Calcio: il Serralta conquista il primo successo casalingo, 3-2 sulla Lorese

Calcetto calcio 4' di lettura 14/01/2013 - C’è la netta sensazione che il primo successo casalingo del campionato(terzo in totale) sia stata come una salutare boccata d’ossigeno per un Serralta che non poteva certo permettersi ulteriori passi falsi. La classifica non ideale e il fatto di essere in piena zona play out, imponevano ai gialloblù di raccogliere punti e magari di farlo sfatando il tabù del “Soverchia” dove finora non erano mai stati conquistati i tre punti.

Ebbene in un sol colpo Biciuffi e i suoi ragazzi hanno centrato gli obiettivi e il 3-2 sulla Lorese consegna viva soddisfazione, tanto morale, un bel passo avanti in graduatoria e tanta fiducia in vista dei prossimi impegni. E’ stata una partita difficile, sofferta, e lo si sapeva, ma stavolta il Serralta non ha sbagliato in ciò che meglio gli riesce. Grinta, determinazione, attenzione, cinismo, cuore. Queste le armi usate da una squadra che ha lottato per 97’(recupero compreso) con ardore, gettando in campo tutto quello che aveva e alla fine il risultato è stato esaltante e importante allo stesso tempo. Tante le note positive date dal match: il modulo scelto(4-4-2) è stato efficace ed ha portato equilibrio, compattezza e buona organizzazione, tutti hanno giocato al massimo, le tante assenze questa volta non hanno pesato, i nuovi hanno dimostrato di essersi integrati subito e al meglio.

I tre che sono scesi in campo sono stati protagonisti: Carbone Ezio e Elisei, oltre a dare sostanza al binario di sinistra, sono stati parte attiva della vittoria con un gol a testa(splendido quello del centrocampista, da vero opportunista quello del difensore), Camomilla in mezzo al campo ha fornito quantità e qualità(assist pregevole per la rete d’apertura). C’è stata gloria personale anche per Samuele D’ascanio, tornato a colpire dopo un lungo periodo e sicuramente felice per il sigillo personale: “Soddisfazione enorme-conferma il centravanti-per essere tornato a fare gol dopo un periodo di astinenza, rete che è stata utile per la squadra e per me, dato che mi riscatta da un periodo poco brillante, mi porta fiducia e rappresenta uno stimolo in più. Ora con il gol cresceranno le motivazioni per proseguire il campionato nella maniera ideale”.

Samuele, cercavi fiducia dopo un girone d’andata complicato. Questo può essere l’inizio di un periodo diverso e positivo?: “Certamente. Ho accusato difficoltà per via dei tanti infortuni che mi hanno impedito di esprimermi al meglio e di allenarmi a dovere. Purtroppo hanno pesato tanto e sono consapevole di non aver reso come avrei voluto e potuto. Adesso, però, spero che il vento sia cambiato e possa esserci un lungo periodo positivo con soddisfazioni personali e di squadra”. Quanto ti manca per essere al top? “Manca ancora qualcosa. Infatti non posso ancora dire di essere giunto al 100% della forma, sento che posso crescere e migliorare e quindi dovrò lavorare ancora. Confido di trovare continuità di prestazioni e di rendimento e, nel frattempo, dovrò ovviare con la determinazione, la grinta, l’impegno sul campo, cose che credo di aver mostrato in queste ultime uscite”.

Vincere con la Lorese è stato un passo importante: “Senza dubbio. Sono stati tre punti preziosissimi che noi tutti volevamo conquistare e credo che siano arrivati con merito e al termine di una prova corale positiva e convincente. Si è visto un Serralta coriaceo, grintoso, determinato e con l’approccio giusto e il successo è stato una conseguenza di ciò. Infine sono felice del fatto che il gruppo abbia capito come affrontare questi impegni e come presentarsi in campo, d’altronde il segnale dato rispecchia quello che ci eravamo promessi di fare dentro lo spogliatoio quando ci siamo parlati durante la sosta”. Può servire per invertire marcia? “Spero di sì, anzi ne sono convinto. Con questa vittoria si può crescere tanto e potrà servire per affrontare al meglio i prossimi impegni, a cominciare da quello contro la Torrese(sabato prossimo), sfida diretta che rivestirà una certa importanza”.

E’ stata anche una bella iniezione di fiducia: “Direi proprio di sì. E’ innegabile che battere una squadra forte porti consapevolezza nei propri mezzi, euforia e forza interiore. Spero che la squadra capisca che l’atteggiamento giusto da tenere sia quello di sabato e ritengo che la mentalità necessaria per raggiungere l’obiettivo che abbiamo, sia proprio questa. Pertanto dico che, se il Serralta fosse capace di continuare così e lasciando da parte gli alti e bassi precedenti, potrà senza dubbio salvarsi con tranquillità e in anticipo”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-01-2013 alle 19:06 sul giornale del 15 gennaio 2013 - 395 letture

In questo articolo si parla di sport, san severino, Polisportiva Serralta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/IcH





logoEV
logoEV