San Severino: rievocazione storica del 'Circuito del Chienti e Potenza'

3' di lettura 04/09/2013 - Torna, sabato 7 e domenica 8 settembre, la rievocazione storica del “Circuito del Chienti e Potenza”. Giunta alla 18^ edizione dopo aver superato brillantemente la fatidica quota 17 in barba alla cabala, è l’unico appuntamento del Circolo Automotoveicoli d’Epoca presieduto da Pietro Caglini dedicato alle due ruote.

Assolutamente da non perdere, prima dell’epilogo agonistico del 28 e 29 settembre, di nuovo a bordo delle auto, con la 18^ edizione della “Due Giorni del Conero. “Dato che nessuno nel recente passato ha riproposto con continuità il tracciato delle tre iniziali edizioni del Circuito del Chienti e Potenza che ebbero luogo dal 1924 al 1926, organizzate dall’Unione Sportiva Tolentino, con l’approvazione del Moto Club Italia, lungo un percorso che toccava i centri di: Tolentino, San Severino, Serrapetrona, Caccamo, Belforte e di nuovo Tolentino, disegnato su 36,900 km. da ripetersi 8 volte, per un totale di 295 chilometri e 200 metri, a suo tempo con i soci del Caem ho pensato di ridare vita alla corsa sul circuito originario con l’obiettivo di ricordare una gara suggestiva.

Quella che il 23 marzo 1924, per l’edizione inaugurale, era valida quale 1^ prova del Campionato Italiano – 2^ Coppa Moretti”. E così è stato. Con questo sano spirito di rievocazione dell’allora “grande evento” il sodalizio dei motori di San Severino si appresta a vivere un’altra edizione accattivante della prestigiosa serie. La manifestazione si articolerà lungo due giri del percorso originario, con tre prove di regolarità previste a San Severino ed altre tre a Serrapetrona per ciascuno dei due giro del tracciato, per un totale di 12 prove cronometrate che determineranno la classifica finale. Sabato 7 settembre partenza “soft” dall’Hotel 77 di Tolentino alle 16.30 per un giro nelle campagne del tolentinate. Rientro da… brivido attraverso il Ponte del Diavolo, sosta in piazza San Francesco per un’opportuna merendina, visita alla Biennale dell’Umorismo per coniugare, come avviene puntualmente con il Caem, sport, prelibatezze culinarie e cultura.

Quindi rientro all’Hotel 77 per la cena che concluderà la prima giornata della kermesse. Domenica start di nuovo dall’Hotel 77 alle 9.30. Un’ora dopo, a Serrapetrona, sosta di mezz’ora per uno spuntino in Piazza Santa Maria e ripartenza per la fine del primo e del secondo giro. Il Controllo timbro è previsto a Belforte. L’arrivo, a Tolentino, per le ore 12.30. All’Hotel 77 pranzo di commiato dopo le premiazioni dei vincitori di categoria. Come di consueto “e finché le finanze ce lo permetteranno”, il Caem non perde di vista il sociale. Per la 18^ rievocazione storica del Circuito del Chienti e Potenza è infatti prevista la consegna di un utilissimo defibrillatore portatile al sindaco di Serrapetrona, Adriano Marucci. Le categorie previste: 1)Moto ante 1935; 2) Post 1935 fino al 1950; 3)Oltre 1950 fino al 1965. È previsto anche il raggruppamento “Ospiti”, cioè i non soci ASI (Automotoclub Storico Italiano), in sella a moto non omologate, per stimolare i neofiti ad aderire al mondo dei motori d’epoca.


   

dagli Organizzatori







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-09-2013 alle 18:16 sul giornale del 05 settembre 2013 - 533 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/Rkg





logoEV
logoEV