Muccia: il comune risparmia oltre il 55% nella pubblica illuminazione

illuminazione pubblica 2' di lettura 10/10/2013 - Nel 2013 il Comune di Muccia ha scelto un modo intelligente di risparmiare. Grazie alla riqualificazione della pubblica illuminazione abbatte i consumi energetici di oltre il 55%, aumentando la sicurezza stradale e la salvaguardia dell’ambiente.

L’installazione dell’alimentatore elettronico Dibawatt® direttamente nel punto luce ha permesso di razionalizzare i consumi secondo una logica di efficienza energetica e ha prodotto una maggiore resa illuminotecnica (flusso luminoso maggiore e più efficace). Questo significa che le strade saranno ben illuminate, senza lampioni spenti, e anche più sicure. Dichiarazione del Sindaco Fabio Barboni: “I risultati che abbiamo raggiunto – dichiara il Sindaco Fabio Barboni – sono superiori a quelli attesi.

Si ipotizzava un 40% di risparmio e abbiamo invece attestato il 55,3% di energia attiva risparmiata. L’amministrazione si ritiene soddisfatta dell’intervento che taglierà i costi della pubblica illuminazione, in un momento in cui è difficile reperire risorse, e potrà contribuire alla sostenibilità ambientale di Muccia. Inoltre cosa da non sottovalutare, rispettiamo quanto richiesto dalla normativa regionale vigente in merito alla riduzione dell’inquinamento luminoso”.

A garanzia dei risultati previsti in sede di audit da Sorgenia Menowatt, che ha proposto l’intervento, l’azienda ha approntato un test preventivo in zona frazione Giove, utilizzando il sistema Dibamonitor per verificare la performance del 55,3%. Sorgenia Menowatt, in quanto ESCo accreditata presso AEEG e prima in Italia ad essere certificata ENI UNI 11352, soddisfa questi criteri di affidabilità del servizio. Supporta, inoltre, gli enti locali nell’affrontare opere di riqualificazione evitando loro i costi iniziali di investimento.

L’operazione si ripagherà da sola in breve, grazie al risparmio energetico conseguito e al taglio dei costi nelle bollette energetiche. Il Dibawatt®, dispositivo brevettato e prodotto dalla ESCo marchigiana, permetterà di risparmiare in un anno più di 7mila kWh, ipotizzando un ciclo di lavoro standard dei punti luce di 4.200 ore. Anche l’ambiente trae vantaggi dal Dibawatt®: il risparmio energetico produce un abbattimento di anidride carbonica emessa - ben 3,8 tonnellate annuali - e di Tonnellate Equivalenti di Petrolio non bruciate (1,78 TEP). Per capire meglio gli effetti positivi dell’efficienza energetica nella pubblica illuminazione, si potrebbe utilizzare l’esempio del rimboschimento: è come se l’aria ricevesse lo stesso beneficio di 189 alberi piantati ogni anno.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-10-2013 alle 14:41 sul giornale del 11 ottobre 2013 - 513 letture

In questo articolo si parla di attualità, Risparmio energetico, illuminazione, muccia, comune di muccia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ST4





logoEV
logoEV