Gagliole: il sindaco Riccioni vuole la centralina per le polveri sottili

inquinamento 15/01/2014 - Il primo cittadino della città di Gagliole esige dalla regione o dal vicino cementificio Sacci una centralina per il controllo del livello delle polveri sottili. Il comune aveva già svolto incontri in regione sul fattore inquinamento.

Il sindaco Riccioni torna sul tema inquinamento da parte del cementificio dopo le polemiche che tanto hanno fatto parlare i cittadini della zona questo inverno. La fabbrica, vicina sia al comune di Gagliole sia a quello di Castelraimondo, non è dotata di una centralina per il controllo delle polvere sottili. In qualsiasi altra parte d'Italia, quasi tutte le fabbriche che immettono nell'aria una grande quantità di sostanze, sono dotate di sistemi di controllo.

Il comune di Gagliole ha chiesto per l'ennesima volta alla regione Marche di intervenire, chiedendo che l'installazione sia a carico del cementificio oppure a carico della regione stessa. Il sindaco garantirebbe subito l'autorizzazione, permettendo il posizionamento della centralina nei pressi della scuola materna ed elementare della città.

La centralina garantirebbe il controllo delle attività inquinanti, stabilendo anche l'attività di incenerimento della fabbrica stessa.






Questo è un articolo pubblicato il 15-01-2014 alle 11:36 sul giornale del 16 gennaio 2014 - 339 letture

In questo articolo si parla di Riccardo Antonelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/W7d