San Severino: auto d'epoca, a Paciaroni l'ottava edizione della 240' sotto le stelle

19/01/2014 - Il settempedano Giampaolo Paciaroni, incurante della carta d’identità che lo vede sulla soglia delle 80 primavere, dà vita ad una gara strepitosa nell’ottava edizione della “240’ sotto le stelle” in cui mette in fila tutti, compreso il campione uscente Mario Passanante, il siciliano di Campobello di Mazara autentico mostro sacro della regolarità su auto d’epoca.

La prova, “ormai una classica a tutti gli effetti – ha dichiarato nel post competizione il commissario Asi aretino Pierluigi Bulgarelli –, organizzata con la consueta perizia dai collaudati promoters del Caem, è spiccatamente agonistica. I partecipanti, in numero sempre crescente (37 quelli giunti regolarmente al traguardo su un lotto di 42 iscritti, ndr), vengono con il chiaro intento di misurarsi su una serie di segmenti cronometrati (47 in 4 ore) impegnativi”. Pietro Caglini è soddisfatto “per il numero e la qualità del lotto dei partenti in una competizione cresciuta notevolmente nel tempo.

Alla fine l’ha spuntata il concittadino Paciaroni su un Passanante spalleggiato a dovere dall’avvocato dorico e conterraneo di Passanante, Donato Maniscalco, facendo segnare una media stupefacente”. Per Passanante “Paciaroni ha vinto con merito dopo il guasto meccanico che lo ha tolto dai giochi l’anno scorso”. “Passanante dà il meglio di sé nelle gare alla luce del giorno – Paciaroni ha chiuso il siparietto – ma in notturna spesso riesco ad avere la meglio. Il successo nella 240’ sotto le stelle nobilita la maglia del Caem che indosso”. Fra le partecipanti ha destato curiosità l’equipaggio “rosa” toscano formato dalle fiorentine Angela Belloni, al volante di una Porsche 356 B del ’62, e Monica Guerrini.

Classifica finale assoluta: 1)Giampaolo Paciaroni, Caem, A 112 del ’74, numero di gara 11, 262 penalità complessive; 2)Mario Passanante, Trapani, Porsche 911 T del ’68, num. gara 6, 290 p.; 3)Mauro Giansante, Pescara, Mini Cooper 1.3 del ’75, num. gara 14, 313 pen.; 4) Mauro Marcelli, Roma, Mini Cooper del ’67, num. gara 4, 387 pen.; 5)Marco Gaggioli, Perugia, Lancia Fulvia ’75, num. gara 8, pen. 406; 6)Andrea Carnevali, Caem, Giulia GT 2000 Veloce del ’72, num. gara 10, pen. 476; 7)Massimiliano Buccioni, Firenze, A 112 Abarth dell’81, num. gara 15, pen. 499; 8)Wilmer Boscolo, Rovigo, A 112 dell’85, num. gara 21, pen. 845; 9)Pietro Caglini, Caem, Fiat 600 D del ’67, num. gara 1, pen. 868; 10)Salvatore Cusumano, Trapani, Lancia Fulvia del ’66, num. gara 13, pen. 908.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-01-2014 alle 23:05 sul giornale del 20 gennaio 2014 - 303 letture

In questo articolo si parla di sport, luca muscolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Xh5