Calcio: un punto pesante fuori casa per la Settempeda

4' di lettura 30/03/2014 - “Pensavamo fosse questo l’incontro per noi da aut-aut. Invece alla fine ne è uscito uno 0-0 sostanzialmente giusto, al termine di un match in cui noi abbiamo avuto le nostre occasioni, nel finale della prima frazione ed in alcuni tratti della seconda, ma anche la Settempeda le sue. Per noi una traversa con Bonsignore ed un’altra chance per il nostro centravanti nella ripresa, quando però, nel tirare di sinistro dalla destra di Caracci, al 31’, ha strozzato la conclusione che è uscita. Vuol dire che il match decisivo lo vivremo sabato prossimo a Treia, contro un’altra diretta avversaria per non rimanere invischiati nella zona play-out”.

Massimo Di Stefano, trainer del San Marco Servigliano, rende onore alla prova di una Settempeda come di consueto coriacea, tosta e convinta di poter dire la sua anche a Servigliano, dove la truppa di Francesco Giorgi ha disputato una gara gagliarda, soffrendo meno dello scorso anno ed uscendo dal rettangolo di gioco con qualche rimpianto.

La partita. Si comincia con i padroni di casa disposti con il 4-4-1-1. Dietro Bruni e Mazzetti scortano lungo le fasce capitan Sgammini e Monini. A centrocampo giganteggia Contigiani al cui fianco c’è Iommetti, mentre il veloce Bromo e Colella viaggiano da ali. Iacoponi fa la spola tra centrocampo ed attacco con un piede lussuoso per la Promozione, mentre Bonsignore non sembra al cento per cento della condizione fisica, ma si fa sentire al momento giusto. Che però non risulterà mai decisivo per tutto il volgere del confronto. Davanti a Caracci, alternato come di consueto a Maccari secondo la miscela preparata dal preparatore Gianluca Gubinelli nel corso della settimana, giostrano per la Settempeda gli under Pietrella e Menichelli ai lati dell’altro baby ormai esperto Burgos e capitan Mulinari. Accanto a Serangeli torna Borioni, mentre a fungere da spalla all’avanzato Capenti ci sono il recuperato dell’ultim’ora Lucaroni a destra, Marasca centrale e Meschini a sinistra. Lucaroni, dato per incerto, è risultato alla fine il migliore in campo per continuità e valore dei colpi. Una ruspa! Incisivo, anche se poco fortunato, in occasione del collo destro di poco alto al 35’ della ripresa. I padroni di casa possono recriminare per la traversa colpita in girata da Bonsignore al 14’, quando il bomber giallonero ha però trovato il reattivo Caracci a sventare, appunto, sul montante e quindi in corner. Così come nell’occasione descritta del 31’ del secondo tempo quando, pur approfittando di una traiettoria strana del pallone, si è trovato defilato ma senza più nessun ostacolo tra lui e Caracci, non riuscendo tuttavia ad inquadrare lo specchio, chiudendo troppo il compasso con il sinistro. A metà ripresa Settempeda molto pericolosa nelle ripartenze, in una delle quali Marasca pesca in area, sulla sinistra, Capenti il quale si gira ma con il sinistro trova sulla traiettoria l’opposizione di un difensore. Al 35’ Borioni serve Lucaroni in area. Mazzetti è saltato ma rinviene, costringendo l’ala settempedana ad anticipare la conclusione di collo destro che esce di un niente sopra la traversa. Ma sarebbe stata una punizione eccessiva per il San Marco. Nella seconda frazione cambio Menichelli-Tentella, anche per aumentare il tasso di esperienza di un team che ha presentato ben 4 under nell’undici titolare, dentro il ritrovato Passarini per il baby Meschini a rinforzare la cintura mediana ed a fare le prove per una soluzione di emergenza a centrocampo e, a tempo ormai scaduto, Montanari per Borioni per tentare l’acuto che però non è venuto.

“È stato un buon punto – dice Mulinari mentre si asciuga i capelli -, abbiamo giocato meglio dello scorso anno. Bene così”. “Siamo al decimo risultato utile consecutivo. Mi pare una cifra non da poco. Anche stavolta non abbiamo subìto gol – sottolinea mister Giorgi -, siamo soddisfatti”. Sabato bisognerà tentare di vincere contro il Monte San Giusto prima della sosta per chiudere il discorso salvezza in anticipo. I rossoblu avranno fame di punti. “Anche noi”, sentenzia il gladiatore Serangeli, con uno sguardo che è tutto un programma. La Settempeda torna da Servigliano sempre più convinta dei propri mezzi.

San Marco Servigliano - Settempeda 0-0
San Marco Servigliano: Natali, Bruni, Valerio Mazzetti, Iommetti (21’ st Procaccini), Sgammini, Monini, Colella, Contigiani, Bonsignore, Iacoponi, Bromo (33’ st Gobbi). (A disp. Brandi, Cruciani, Bracalente, Michele Mazzetti, Viozzi) All. Massimo Di Stefano. Settempeda: Caracci, Pietrella, Menichelli (12’ st Tentella), Serangeli, Burgos, Mulinari, Lucaroni, Borioni (45’ st Montanari), Capenti, Marasca, Meschini (33’ st Passarini). (A disp. Maccari, Paciaroni, Lorenzo Rocci, Fiecconi) All. Giorgi. Arbitro: Bilò di Ancona (Sorrentino di San Benedetto-Bordoni di Fermo). Note: ammoniti Iommetti, Colella, Pietrella, Serangeli, Burgos, Borioni, angoli 7-8, spettatori 100 circa, rec. 0’+5’.


   

da Luca Muscolini






Questo è un articolo pubblicato il 30-03-2014 alle 13:39 sul giornale del 31 marzo 2014 - 343 letture

In questo articolo si parla di sport, luca muscolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/1HP





logoEV
logoEV