La Vigor perde a Civitanova, stagione finita

3' di lettura 02/05/2014 - Che la partita a Civitanova sarebbe stata quasi proibitiva lo si era ben capito, dopo l’incontro di andata a Cerreto d’Esi. Ma perdere dopo essere stati sul punto di essere spazzati via e invece, con un colpo di coda, essere riusciti a rientrare e addirittura aver messo il naso avanti nel finale di partita, forse dà ancora più fastidio.

L’Halley doveva scendere in campo con lo spirito giusto. L’inizio sembra piuttosto la continuazione dell’infernale gara1. Baldoni e Contigiani assemblano un quarto da sogno, i biancorossi no. Il quarto si chiude sul 30-14 e l’impressione è che la partita sia già saldamente incanalata in direzione Virtus. In realtà, un po’ i primi due rientrano nei ranghi, un po’ la Vigor si decide a infilare il coltello tra i denti, la partita cambia decisamente passo. Il secondo quarto produce solo un misero 9-9, che, questo sì, ricorda molto più l’agonismo di una serie playoff. Ma alla Vigor serve qualcosa in più, per recuperare. Il colpo di reni, o lo scatto d’orgoglio arriva nell’ultimo quarto. Ne è l’ispiratore Novatti (assente prima per…problemi burocratici), il quale entra e cambia subito il ritmo dei suoi, mettendo a segno 15 punti nel quarto. Il quintetto dell’ultimo periodo, con lui, capitan Sorci, Gatti, Amoroso e Paoletti, recupera punto su punto, partendo dal -17. Matelica ci crede, al miracolo, soprattutto quando Sorci mette i tre liberi che portano al pareggio e al sorpasso (57-58). Siamo a 1’52 dal termine. Da lì in poi il tempo diventa infinito e i possessi pesano tantissimo: in 1’30 solo due liberi realizzati da Contigiani. Il tabellone segna 22” al termine. La Vigor è più che mai in partita ma Civitanova ha frenato l’emorragia. Le difese si fanno più dure e in questo senso, due falli antisportivi fischiati allo stesso giocatore (Sorci), in così pochi secondi, fanno la differenza. Ne aggiunge un altro Novatti, per fermare il cronometro: Centanni fa tre viaggi in lunetta, e non sbaglia un colpo. Ci pensa Amoroso a firmare due triple consecutive che tengono in vita la Vigor, ma Centanni al tiro libero è un iceberg, e Civitanova porta a casa incontro (68-64) e serie. Se la vedrà contro Monsummano.

Per la Vigor, alla fine, la soddisfazioni di essersi battuti fino alla fine. Ha giocato un ruolo l’inesperienza a giocare playoff a questo livello. Si è trattato comunque di un anno molto positivo e utile a capire come muoversi in questa lega. Ora, non più di una settimana per digerire delusione e tensione, e ci si metterà subito all’opera per il prossimo anno.

VIRTUS CIVITANOVA - VIGOR MATELICA: 68-64

CIVITANOVA: Centanni 16, Felicioni n.e., Tessitore 5, Ferraro, Vallasciani 8, Baldoni 20, Tegazi, Poletti, Magrini 2, Contigiani 17. All.re Rossi
MATELICA: Porcarelli, Sorci 8, Pecchia, Novatti 15, Montanari n.e., Gatti 7, Quercia 5, Amoroso 20, Paoletti 2, Usberti 7. All.re Sonaglia






Questo è un articolo pubblicato il 02-05-2014 alle 22:49 sul giornale del 03 maggio 2014 - 506 letture

In questo articolo si parla di sport, matelica, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/3rA





logoEV