Camerino: il Mov. 5 Stelle attacca Pasqui e Lucarelli

2' di lettura 12/05/2014 - Tutta questione di diritti ..o di priorità?: ci domandiamo, indignati e perplessi, quanta vergogna manchi a certi personaggi locali nel ripresentarsi candidati alle elezioni.

Prendiamo come esempio lo scempio (perdonate il gioco di parole) nelle frazioni, tanto decantate e “sviolinate” in campagna elettorale, quanto abbandonate.

Drammatica la situazione per le strade per tutto ciò che riguarda i danni del dissesto idrogeologico sul nostro territorio. In particolare tra Calcina ed Arnano, due piccole frazioni camerti: evitiamo di parlare di innumerevoli buche e rattoppi spesso anche fantasiosi che, paradossalmente, sembrano il classico “male minore”, ma ci colpisce molto la presenza di una frana, pesantemente adagiata sulla carreggiata e mai asportata, e tanto meno segnalata all’inconsapevole automobilista.

Gli abitanti del luogo raccontano di ripetute segnalazioni all’amministrazione comunale, non solo nel breve periodo ma in un arco di tempo che ormai ha superato di molto l’anno.

Ancora più grave e colpevole, quindi, la posizione degli amministratori uscenti, che non sembrano aver pressato le autorità competenti in maniera sufficiente. Nulla si è mosso, evidentemente, a livello provinciale, di cui la strada è proprietà, né a livello comunale, in quanto non appaiono risultati pratici ed efficaci da parte dell'ente Comune verso le autorità preposte. Creando disagi, e soprattutto un persistente grosso pericolo per tutti coloro si trovino a passare per il tratto di strada in questione.

Le foto mostrano, senza possibilità di equivoci, che la situazione deve essere messa sotto controllo, per evitare il peggio e prevenire, possibilmente, prima che accada l’irreparabile. Forse altre “priorità”si sono susseguite nel tempo? Forse, negli ultimi cinque anni, colpi di varianti per quel palazzo o quel centro commerciale, valgono più dell’incolumità dei cittadini?

Dopo anni di richieste cadute nel vuoto, qui come in altri punti del camerte, ci chiediamo con quale faccia, e con quanto coraggio, il vicesindaco uscente Pasqui e l’assessore ai lavori pubblici Lucarelli del comune di Camerino, che certamente conoscono la situazione da molto e meglio di noi, si ripropongano di presentarsi alle elezioni per essere rieletti. Ricordiamo infatti alcuni passi cruciali del programma amministrativo che, 5 anni fa, li vedeva ancora insieme, nelle stessa lista, candidati allo stesso modo: ” La salute dei cittadini non può e non deve essere messa a rischio”, e ancora “La sicurezza stradale e dei pedoni è un argomento prioritario della futura amministrazione”. “ i cittadini hanno il diritto di avere la propria frazione o il proprio quartiere decorosamente mantenuti e con una viabilità di accesso percorribile”.

“Solo” questione di diritti quindi? Ai posteri l’ardua sentenza. Magari, proprio il 25 maggio.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-05-2014 alle 10:48 sul giornale del 13 maggio 2014 - 907 letture

In questo articolo si parla di politica, m5s camerino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/3YA





logoEV