Progetto Matelica: 'L'area cani è una palude, i tecnici comunali vanno usati nel modo giusto'

4' di lettura 11/07/2014 - Con questo comunicato noi del gruppo consiliare di minoranza 'Nuovo Progetto Matelica' vogliamo evidenziare lo stato di degrado, incuria ed abbandono in cui versa l’area verde per gli amici a quattro zampe, che si trova nella zona adiacente la Strada delle Valche, inaugurata, lo scorso mese di maggio, dalla giunta Sparvoli.

L’area, stando alle dichiarazioni di molti cittadini che usufruiscono dello spazio per lasciare liberi di giocare e di correre i loro cani, verserebbe in uno stato di totale abbandono, praticamente irriconoscibile rispetto al giorno della sua inaugurazione. Dopo le molte lamentele di molti matelicesi, abbiamo deciso di intervenire sulla vicenda.

“L’erba è altissima e la zona è diventata impraticabile. – dichiara Paolo Sparvoli - Diversi cittadini hanno sollevato la problematica e mostrato apertamente il loro malumore definendo il parco cani “oramai una palude piena di forasacchi dove in alcuni posti le erbacce superano anche il metro”. La polemica nasce proprio dal fatto che quello è l’unico posto a Matelica dove è possibile far giocare gli amici a quattro zampe e in queste condizioni, oltre ad essere indecoroso, è impraticabile.

Il progetto iniziale della giunta Sparvoli prevedeva, oltre alla piantumazione di alcune piante e di un sistema di irrigazione, già presenti, anche l’inserimento di una fontana con acqua potabile e di attrezzature particolari per gli amici a quattro zampe. Lo spazio, gestito dalla cooperativa Zanzibar, era stato espressamente richiesto al Comune, da qualche anno, dal quartiere di Regina Pacis, proprio per far si che gli animali potessero avere un’area tutta loro dove poter essere lasciati liberi. Inoltre, con l’avvento della Facoltà di Medicina Veterinaria si era reso sempre più necessario un luogo adibito proprio per questi amici a quattro zampe. Per la stessa area la vecchia giunta stava anche preparando un regolamento specifico.

Tutto si è bloccato, però, come sostengono i cittadini che hanno alzato la polemica, con l’insediamento della nuova giunta che “mostrerebbe poco interesse per questo parco”. “Abbiamo chiesto da più di un mese più volte al Sindaco almeno la pulizia di queste erbacce – dichiara Chiara Palladino – una volta ci ha risposto che avrebbe provveduto subito e l’altra, invece, non ha risposto. Non vogliamo la reggia di Versailles come parco cani ma solo che venga tolta tutta quella foresta che si sta creando”.

Sulla discussione è intervenuto anche il primo cittadino, Alessandro Delpriori dichiarando: “Come ho già detto tempo fa, abbiamo fatto sopralluoghi in molti punti di Matelica con l'erba alta. Abbiamo iniziato a tagliare tutto ma abbiamo solo un mezzo e visto che piove spesso i lavori vanno un pochino più a rilento di quanto pensavamo. Grazie delle segnalazioni, continueremo con tutti i lavori, anche nel parco cani. Attiveremo un servizio di segnalazione delle necessità più utile e meno indiretto di Facebook”.

Chiarimenti non apprezzati, però, dai cittadini che hanno sollevato la polemica e che così hanno risposto, sempre per voce di Chiara Palladino: “È stato chiesto più di un mese e mezzo fa, e se vuole ho ancora la sua conversazione scritta, di poter far qualcosa adesso non credo che la sua squadra non abbia trovato mezz’ora per poter tagliare l’erba e raccoglierla lì dentro. Io credo che se non avessimo segnalato questo problema pubblicandolo su Idee per una Nuova Matelica(gruppo presente sul social network facebook),l’erba non sarebbe stata tagliata neanche per settembre. E’ un mio pensiero personale ma credo che rispecchi anche quello di altre persone.”

Paolo Sparvoli sostiene: “Noi abbiamo cercato di andare incontro ad una esigenza reale della città nonostante il momento economico molto particolare. Erano anni che i cittadini avanzavano questa richiesta. Questo completo abbandono dell’area e il sostenere che non c’è stato il tempo per tagliare l’erba mi sembra veramente assurdo ed inconcepibile. La nuova amministrazione ha la memoria corta, poco più di qualche settimana fa, precisamente poco prima delle elezioni amministrative, Pietro De Leo, attuale consigliere di maggioranza, aveva ironizzato sull’erba alta ai giardini, come a voler dimostrare che solitamente la mia amministrazione trascurasse in modo abituale il taglio dell'erba e solo in occasione delle elezioni avesse deciso di intervenire. A queste persone ora che, finalmente, hanno smesso di giocare alla politica, o almeno lo spero, visto che hanno in mano una città, dico che è più facile aprire bocca e darle fiato senza sapere di cosa si parla. Adesso bisogna che le cose vengano fatte, almeno le essenziali. Sarebbe sinonimo di sensibilità verso i cittadini, se prima di utilizzare i nostri tecnici comunali per montare palchi e palchetti in piazza, essi vengano impiegati per svolgere le mansioni principali della città come il taglio dell’erba, il mantenimento dei giardini e la cura delle strade”.

LEGGI LA RISPOSTA DEL SINDACO ALESSANDRO DELPRIORI


   

da Nuovo Progetto Matelica
Gruppo consiliare di minoranza







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-07-2014 alle 10:44 sul giornale del 12 luglio 2014 - 1038 letture

In questo articolo si parla di attualità, matelica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/65S





logoEV
logoEV