Camerino, Tapanelli: 'Acqua e acquedotto, disagi, chiarimenti e problemi'

pietro tapanelli 2' di lettura 04/09/2014 - A seguito delle notizie apparse sulle cronache locali in merito ai problemi per il pagamento delle bollette dell’acquedotto, il sottoscritto consigliere di minoranza Pietro Tapanelli ha chiesto al Sindaco Pasqui un incontro con gli uffici preposti al fine di conoscere la reale problematica e verificare cosa non ha effettivamente funzionato nei pagamenti del canone dell’acquedotto.

L’incontro si è svolto martedì 2 settembre presso il Comune, alla presenza del Sindaco e degli uffici comunali direttamente interessati. I responsabili degli uffici hanno illustrato la questione specificando che i problemi possono essere riassunti facendo riferimento a complicazioni tecniche, e quindi non degli uffici comunali, in relazione a due distinte situazioni. Globalmente il pagamento da parte dell’utente non è stato possibile, ma mentre per i MAV il cittadino non è stato in grado di pagare alcuna summa, per alcuni RID si è verificato un problema di addebiti errati.

Gli uffici mi hanno assicurato che stanno provvedendo allo storno delle somme erroneamente addebitate dal sistema informatico e all'emissione di nuovi bollettini per un corretto ripristino della situazione. Il disagio per i cittadini sarà sicuramente risolto, mentre il Comune sta valutano le responsabilità per eventualmente chiedere i danni a chi di dovere, a seguito del mancato incasso delle somme in oggetto nei tempi previsti.

Un secondo aspetto, su cui ho ritenuto necessario avere chiarimenti, è relativo alla delicata querelle “contatori”. Anche in questo caso il Sindaco e gli uffici hanno riferito che è materia di attuale dibattito interno. Mi hanno informato che il pagamento odierno, parametrato senza contatori in base al quintalaggio, è sicuramente più basso di quello che si avrebbe con i contatori installati. Ho chiesto espressamente al Sindaco, oltre all'ovvio rispetto della normativa, che siano messe al primo posto le priorità e le necessità dei cittadini (utenze private e commerciali) e il primo cittadino mi è sembrato in linea con le mie richieste e le mie preoccupazioni.

Infine, è stato portato alla mia attenzione il vero problema in materia di acqua a Camerino, ovvero l’acquedotto. Tale infrastruttura soffre di una vecchiaia ormai congenita e abbisogna di interventi che hanno dei costi, per le casse comunali, proibitivi. Lavoreremo, maggioranza e minoranza, per trovare le risorse necessarie affinché la nostra rete idrica sia portata a livelli ottimali.


   

da Pietro Tapanelli
Sindaco di Sefro





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-09-2014 alle 12:41 sul giornale del 05 settembre 2014 - 1210 letture

In questo articolo si parla di politica, camerino, acquedotto, tapanelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/9iv





logoEV
logoEV