Castelraimondo: successo per il Gran Concerto di Capodanno

2' di lettura 12/01/2015 - I festeggiamenti per l’arrivo del nuovo anno si sono protratti nel pomeriggio del primo gennaio presso il cinema-teatro “Manzoni” di Castelraimondo che ha accolto l’intero organico del Corpo Bandistico cittadino “Ugo Bottacchiari” ed il suo direttore, il M° Luciano Feliciani.

Il tradizionale “Gran Concerto di Capodanno” è giunto così alla sua XXII edizione e ha offerto al pubblico presente in sala un programma musicale coinvolgente ed entusiasmante. La banda ha dimostrato grande preparazione e versatilità destreggiandosi in un vasto repertorio, dai brani tradizionali alle composizioni originali per orchestra di fiati fino a toccare il versante delle colonne sonore.

È stato il nostro Inno Nazionale ad aprire il concerto, dovuta premessa al primo brano, “La Grande Guerra”, una composizione del M° Michele Mangani che raccoglie alcuni dei principali canti del primo conflitto mondiale, tramandati dalla memoria collettiva fino ai nostri giorni. Spiccano, ad esempio, “La leggenda del Piave”, “Ta pum”, “Sul ponte di Bassano”… A seguire, una perla del M° Feliciani, “Musica in Festa”, opera in cinque movimenti commissionata dalla Banda Musicale “Città di Staffolo” in occasione del XX anniversario dell’omonimo festival internazionale di bande che ogni estate anima la città dell’anconetano. È stata poi la volta della musica da film: indubbiamente suggestive le atmosfere de “L'ultimo dei Mohicani”, film del 1992 diretto da Michael Mann con musiche di Trevor Jones, cui sono seguite le ormai celeberrime note di Klaus Badelt e Hans Zimmer tratte dalla saga dei “Pirati dei Caraibi”; bellissime le melodie di Andrew Lloyd Webber, l’autore del musical del 1986 “Il Fantasma dell’Opera”, la cui storia è ispirata all'omonimo romanzo dei primi del Novecento di Gaston Leroux.

Non sono mancate le colonne sonore dei grandi film di azione: l’orchestra si è dilettata nell’esecuzione di due arrangiamenti per organico di fiati, “Bond… James Bond” e “Spider Man”. Tanti gli applausi e di conseguenza immancabile il tradizionale finale con correlato battito di mani che ha accompagnato la “Marcia di Radetzky” di Johann Strauss padre.

Si è dunque concluso in bellezza un pomeriggio di ottima musica, che ha visto inoltre partecipe per la prima volta ad un evento importante come il Gran Concerto di Capodanno un nuovo membro del Corpo Bandistico, il giovane Lorenzo Nardini, nella sezione dei saxofoni contralti. Allievo del Corso di Orientamento Bandistico che opera con serietà ed impegno per la comunità castelraimondese, Lorenzo è il primo di un’ondata di nuove leve che arricchiranno il gruppo da qui ai prossimi mesi: l’augurio è che sempre nuovi giovani si avvicinino alla musica e che l’entusiasmo e la dedizione accompagnino in ogni momento gli educatori e i maestri che si adoperano e contribuiscono alla crescita e all’istruzione, nei sani valori, delle nuove generazioni.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-01-2015 alle 12:38 sul giornale del 13 gennaio 2015 - 696 letture

In questo articolo si parla di capodanno, spettacoli, castelraimondo, concerto, banda musicale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/adTj





logoEV
logoEV