Dissequestrata la centrale a biogas di Matelica

Biogas Matelica 1' di lettura 17/02/2015 - La ditta Abr, proprietaria dell'impianto biogas di Matelica, ha finalmente installato, presso la centrale di località Pezze, il post-combustore, ovvero un macchinario destinato all'abbattimento degli inquinanti contenuti nei gas di scarico del cogeneratore.

Sono già state eseguite le operazioni di taratura e collaudo dell'unità e, nel corso dei prossimi giorni, l'ARPAM provvederà all'effettuazione delle analisi chimiche strumentali per la verifica del rispetto dei limiti fissati dal testo unico ambientale i cui risultati, appena disponibili, verranno comunicati alla popolazione.

La centrale era stata posta sotto sequestro preventivo con Decreto del G.I.P. di Macerata n. 3450/14 perché non rispettava i valori limite per l'emissione in atmosfera di carbonio organico totale (C.O.T.) previsti dalla normativa vigente e non era dotata, appunto come prescritto dalla Regione Marche, di tecnologia finalizzata ad abbattere la concentrazione di C.O.T. nei gas di scarico (leggi l'articolo).

Ora che il post-combustore c'è, il procuratore della Repubblica del Tribunale di Macerata ha disposto il dissequestro e la restituzione alla ditta Abr della centrale stessa.






Questo è un articolo pubblicato il 17-02-2015 alle 15:44 sul giornale del 18 febbraio 2015 - 1265 letture

In questo articolo si parla di cronaca, matelica, biogas, Riccardo Antonelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/afwn





logoEV
logoEV