Camerino, il Consiglio di stato ha deciso: i lavori all'ex Ipia potranno riprendere

gianluca pasqui 2' di lettura 24/02/2015 - “Finalmente potremo riavviare l’iter procedurale per i lavori di ricostruzione dell’edificio ex Ipia, che ospiterà la Scuola Salvo D’Acquisto” – Lo ha annunciato il sindaco di Camerino, Gianluca Pasqui, commentando la notizia della sentenza favorevole al Comune emessa dalla quinta sezione del Consiglio di Stato.

“Ringrazio l’avvocato Fabio Pierdominici, che ha tutelato gli interessi del comune – ha proseguito il primo cittadino camerte – Aldilà della questione tecnica, che ormai è definitivamente alle spalle, il dato che più mi sta a cuore è quello dell’operatività. Potrà infatti essere riavviato un percorso che prevede la realizzazione di una importante opera per tutta la comunità camerte. Il lavoro, quando è ben fatto, alla lunga paga e non posso che commentare con soddisfazione la notizia di questa sentenza”.

La vicenda a Camerino è nota da tempo. Sin da quando il Comune di Camerino aveva deciso di revocare l’affidamento dei lavori alla ditta che si era aggiudicata l’appalto, dopo aver riscontrato che la polizza fideiussoria presentata risultava non conforme. La ditta, Corbogroup di Caserta, si era immediatamente rivolta al TAR che, però, aveva respinto il ricorso. Una sentenza, questa, che la stessa ditta aveva impugnato davanti al Consiglio di Stato. L’ultima udienza si è tenuta alla fine di ottobre e nei giorni scorsi la V Sezione ha pubblicato l’attesa sentenza. Nella motivazione si conferma quanto già sostenuto dal Tribunale Amministrativo Regionale, con la Corbogroup Spa che viene anche condannata al pagamento delle spese processuali, conteggiate in circa 5000 Euro.

“Con questa sentenza che abbiamo tanto atteso – ha affermato l’assessore ai lavori pubblici, Roberto Lucarelli – possiamo riprendere quanto sospeso da ormai troppo tempo e restituire ai ragazzi del Salvo D’Acquisto, ma anche alla cittadinanza tutta, un edificio scolastico adeguato e moderno. Già da questa settimana l’iter procedurale sarà riavviato, presumibilmente con l’affidamento dei lavori alla ditta che era risultata seconda nella gara d’appalto. Contiamo di riprendere i lavori al più presto, secondo progetto, e di poter consegnare l’edificio entro il 2017. In questo modo si andrà a completare quasi per intero il piano di adeguamento e recupero degli edifici scolastici cittadini, come scritto nel nostro programma. L’unico iter non ancora pienamente avviato, infatti, è quello relativo all’istituto Betti, ma anche in questo caso siamo in attesa dei tempi della burocrazia. Nel frattempo si stanno ultimando i lavori di ulteriore adeguamento della Ortolani e dell’Asilo Nido, che saranno consegnati nel mese di maggio”.


   

da Comunicamonti
Comunicazione e formazione





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-02-2015 alle 16:29 sul giornale del 25 febbraio 2015 - 819 letture

In questo articolo si parla di attualità, camerino, ipia, comunicamonti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/afRC





logoEV
logoEV