Una giornata dedicata alla raccolta dei rifiuti abbandonati in 5 Comuni dell'alto maceratese

2' di lettura 07/05/2015 - Gli Assessorati all'Ambiente in collaborazione con i Gruppi Volontari della Protezione Civile di 5 Comuni in provincia di Macerata, Caldarola, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo, Belforte del Chienti e Serrapetrona con il patrocinio dell’Unione Montana dei Monti Azzurri organizzano, anche per questo 2015, una giornata dedicata alla raccolta e al censimento dei rifiuti abbandonati nei propri territori comunali.

La giornata di raccolta e censimento dei rifiuti “Puliamo i 5 Comuni” verrà effettuata sabato 9 maggio. Le squadre dei volontari partiranno alle ore 8.00 dal Centro di Raccolta dei 5 Comuni di Camporotondo di Fiastrone, via Kennedy, dove a conclusione dell’iniziativa verranno portati i rifiuti raccolti e che recentemente è stato affiancato dal nuovo Centro del Riuso. L’iniziativa è promossa in collaborazione con il Cosmari che metterà a disposizione uomini, mezzi adeguati e attrezzature per favorire la raccolta e la differenziazione dei rifiuti in tutta sicurezza e da Legambiente Marche che assicurerà la presenza, come sempre in queste iniziative, di alcuni volontari. Importante, come già sottolineato, l’apporto della Protezione Civile.

Da sottolineare che questi cinque comuni in questi anni si sono distinti per l’alta percentuale di raccolta differenziata raggiunta, ponendoli ai primi posti delle classifiche nazionali e regionali. Ad esempio, basta citare che, nello scorso mese di marzo, Camporotondo ha raggiunto il 86,36%, Belforte del Chienti il 79,96%, Caldarola il 74,21%, Cessapalombo il 60,36% (con un sistema misto) e Serrapetrona il 76,68%.

Con questa iniziativa “Puliamo i 5 Comuni”, le Amministrazioni comunali vogliono sensibilizzare ulteriormente i cittadini e soprattutto si ha l’obiettivo di individuare i luoghi che, purtroppo, vengono utilizzati come discarica da parte di chi, in maniera incivile, abbandona i rifiuti arrecando un grave danno all’ambiente. Sono grazie a queste raccolte straordinarie si riesce a preservare la natura e soprattutto ad eliminare i problemi derivati dai conferimenti errati dei rifiuti, specie da apparecchiature elettriche ed elettroniche, dei pneumatici, degli ingombranti e degli inerti e peggio ancora pericolosi come ad esempio le lastre di amianto.






Questo è un articolo pubblicato il 07-05-2015 alle 18:11 sul giornale del 08 maggio 2015 - 290 letture

In questo articolo si parla di serrapetrona, belforte del chienti, cosmari, caldarola, consorzio smaltimento rifiuti macerata, camporotondo di fiastrone, Cessapalombo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ai7y





logoEV
logoEV