Una lettera in redazione: 'Sindaco Delpriori, da 91enne le offro dei consigli'

Lettera a Delpriori 2' di lettura 13/08/2015 - Da Maria Giuditta Boldrini riceviamo per posta e pubblichiamo integralmente:

Illustre Sindaco Alessandro Delpriori, il giorno 13 dello scorso maggio, feci pervenire una mia lettera che, indirizzata a Lei, godeva del diritto ad una sua risposta peraltro mai pervenuta annullando così quel mio diritto.

Ma il non essersi voluto occupare di me ha obbligato me a dovermi occupare di Lei, persona a me fin qui sconosciuta. Così, con qualche domanda gettata a caso, qualcuno mi ha raccontato di Lei che non appena eletto Sindaco, ha provveduto a farsi aumentare lo stipendio. Ho avuto poi l'occasione di leggere, pubblicati su stampa alcuni articoli, lamentosi sfoghi contro la città e i cittadini che avevano votato per Lei, e, a mo di ringraziamento, accusarli di essere mafiosi (sic!).

Incosciamente non ha pensato (non se n'è accorto!) di avere messo tutti (me compresa) nella condizione di poter querelare Lei per ingiuria e diffamazione, ma stia tranquillo Signor Sindaco che io non sono qui per notificarle una denuncia. Vengo piuttosto per offrirle dei consigli, che, dall'alto dei miei 91 anni, l'aiuteranno a migliorare il suo cammino nella vita.

Per prima cosa, con un piccolo prelievo dei soldi inaspettati che le sono arrivati dall'aumento dello stipendio, provveda all'acquisto di un Galateo, se lo legga e se lo studi e soprattutto lo metta in pratica, chissà con il suo aiuto, non le riesca d'ingentilire la scorza impatta della sua rozzezza. Con il resto della somma, corra a procurarsi un paio d'occhiali, di quelli con lenti d'ingrandimento incorporate, sicchè Le sia facile penetrare nella materia pittorica dei capolavori che Lei va scoprendo per poter farne le giuste attribuzioni, perché dopo aver subito l'onta del falso Rubens, un'altra "bufala" di simile portata non riusciremo a sopportarla.

Le potrei aggiungere molti altri consigli ma forse sarebbe come voler lavare la testa all'asino. Penso che, nei suoi riguardi, io possa facilmente cavarmela con una sculacciata. Tanto le dovevo.

(nelle foto sotto la lettera pervenuta in redazione via posta, clicca sulle immagini per ingrandire)








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-08-2015 alle 11:48 sul giornale del 14 agosto 2015 - 2099 letture

In questo articolo si parla di politica, matelica, delpriori, maria giuditta boldrini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/am90





logoEV
logoEV