Delitto Sarchiè: chiesto risarcimento di 20.000 euro dall’associazione Sos Italia Libera

pietro sarchiè 1' di lettura 06/09/2015 - Una somma di 20.000 euro come risarcimento per i familiari di Pietro Sarchiè, il commerciante di pesce sambenedettese assassinato lo scorso anno nelle campagne del maceratese.

E’ stata l’associazione antiusura Sos Italia Libera presieduta da Paolo Bocedi a chiedere alla presidenza del Consiglio dei ministri, la cifra come indennizzo.

Questa richiesta è possibile in quanto una direttiva europea del 2004 stabilisce che tutti gli Stati membri devono istituire un sistema di indennizzo delle vittime di reati intenzionali violenti commessi nei rispettivi territori.

L’associazione è stata ammessa alla costituzione di parte civile nel processo per l'omicidio di Pietro Sarchiè. Imputati per il delitto, ricordiamo, sono delitto Giuseppe e Salvatore Farina; per favoreggiamento e riciclaggio invece Domenico Torrisi e Santo Seminara.

La prossima udienza è fissata per il 14 ottobre.


   

di Roberto Guidotti  
redazione@viveresanbenedetto.it





Questo è un articolo pubblicato il 06-09-2015 alle 16:34 sul giornale del 07 settembre 2015 - 417 letture

In questo articolo si parla di cronaca, comune di San Bendetto del Tronto, articolo, pietro sarchiè, delitto Sarchiè

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/anQ1





logoEV
logoEV


Cookie Policy