Chiusura punti nascita: Roberto Pioli ha iniziato lo sciopero della fame

ospedale di san severino 1' di lettura 26/01/2016 - Un dialogo tra cittadini e Regione Marche. Questo quanto chiede Roberto Pioli, settempedano di 23 anni, membro del Tribunale del Malato di San Severino, che martedì 12 gennaio alle ore 12 e 30 ha iniziato lo sciopero della fame.

Dormirà nella sua macchina parcheggiata nella zona antistante all'ospedale Eustachio e non mangerà finchè Ceriscioli e la sua giunta non dimostreranno interesse nei confronti della popolazione dell'entroterra.

A sostegno anche una manifestazione a cui sono intervenuti anche il sindaco di San Severino e quello di Tolentino. Presenti anche alcuni alunni dell'Itis Divini e diversi membri del comitato a salvaguardia della struttura settempedana. "Mi ha fatto piacere vedere tanta gente partecipare e dimostrare affetto - ci ha detto Pioli - sono intervenute anche le forze dell'ordine che ringrazio per la vicinanza ed il supporto".

Pioli ha poi ribadito la sua volontà, ovvero quella di lottare fino alla fine contro le decisioni sul riassetto sanitario. Lo sciopero è la dimostrazione della lontananza tra cittadinanza dell'entroterra e amministrazione regionale. Non si chiedono infatti dimissioni o provvedimenti eclatanti, ma solo un dialogo per provare a rispondere alle esigenze della popolazione.






Questo è un articolo pubblicato il 26-01-2016 alle 16:39 sul giornale del 27 gennaio 2016 - 676 letture

In questo articolo si parla di attualità, san severino marche, sciopero della fame, Riccardo Antonelli, articolo, roberto pioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/asWr





logoEV
logoEV