Merloni Matelica: la proprietà garantisce un futuro per il sito, attesa la firma del protocollo d'intesa

2' di lettura 25/03/2016 - Giovedì 24 marzo, presso la sala del Consiglio Comunale di Matelica, alla presenza della giunta Comunale e del Sindaco Alessandro Delpriori, del Dirigente Regione Marche P.F. Lavoro e Formazione, Fabio Montanini, del Sig. Luciano Ghergo Presidente della Antonio Merloni CGG SpA, delle OOSS, FIM FIOM e UILM territoriali, le RSU dello Stabilimento di Matelica e di quasi la totalità dei lavoratori dello stabilimento stesso, si è tenuto il previsto confronto in merito al destino dello stabilimento di Matelica.

La proprietà ha ribadito per “l’ennesima volta” l’intenzione di sostituire l’attuale impianto già venduto, con l’acquisto di un nuovo impianto produttivo e di verniciatura, tecnologicamente più avanzato, garantendo un futuro per il sito e impegnandosi a non avviare lo smantellamento della linea produttiva sino a definizione dell’ordine di acquisto. Inoltre ha promesso che il piano industriale garantirà il pieno mantenimento dei livelli occupazionali, anche attraverso l’implementazione dell’attività di rigenero dei serbatoi usati, confortato a suo dire da una rilevante ed aumentata richiesta del mercato.

Le istituzioni comunali hanno garantito il massimo impegno per il mantenimento della destinazione d’uso ad attività produttiva industriale, per tutto l’attuale perimetro aziendale in caso di future cessioni di porzioni dello stesso che la riorganizzazione del sito potrebbe generare. La Regione Marche si è fatta garante della sottoscrizione di un Protocollo di Intesa che dovrà definire puntualmente e impegnare le parti al rispetto delle possibili intese.

Le OOSS e le RSU in rappresentanza di tutti i lavoratori dello stabilimento di Matelica, hanno richiesto:
- cronoprogramma, sia dello smontaggio della vecchia linea che del montaggio dei nuovi impianti e la coincidenza dei tempi al fine di attenuare i disagi economici per i lavoratori;
- ordine di acquisto degli impianti (produzione e verniciatura), con clausola di non rescissione;
- definizione di strumenti quali ammortizzatori sociali per la tutela retributiva dei lavoratori, affiancati a percorsi di formazione e riqualificazione professionale dei dipendenti, al fine di attenuare l’inevitabile impatto occupazionale che l’avanzamento tecnologico e la ridotta capacità produttiva della nuova linea causeranno;
- l’impegno a reinvestire nel perimetro aziendale il ricavo totale della vendita, condividendo e discutendo con le parti sociali il piano di investimento e rilancio della AMCGG.

Al termine dell’incontro, l’assemblea dei lavoratori, ha deciso la totale astensione dall’attività lavorativa per le giornate del 29 e del 30 marzo (con presidio il 29/03 ai cancelli dello stabilimento a partire dalle ore 6:00 e con manifestazione il 30/03 alle ore 9:00 in Regione Marche), in attesa dell’esito dell’incontro tra istituzioni locali, regionali, azienda e OOSS e a supporto della definizione del Protocollo di Intesa promesso.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-03-2016 alle 13:47 sul giornale del 26 marzo 2016 - 1881 letture

In questo articolo si parla di lavoro, sindacati, matelica, merloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aveP





logoEV
logoEV