Ugliano: per il consiglio comunale le varianti al Prg non sono ammissibili

Ugliano 3' di lettura 25/03/2016 - Il Consiglio comunale di San Severino Marche ha votato un atto di indirizzo (favorevoli Martini, Felicioli, Vitturini, Pelagalli, Muzio, Beni e Lucarelli, contrari Chiodi, Lampa e Cherubini, astenuti Gregori, Taborro, Dialuce e Aronne), che verrà ora sottoposto alla Conferenza dei Servizi, in merito alla realizzazione di interventi edificatori richiesti al Suap dalle ditte Agricola Rocchetta e Boscorosso per la realizzazione di allevamenti caprini in località Ugliano e comportanti varianti al Prg.

L’Assise settempedana ha ritenuto “non ammissibili, così come proposte dalle due imprese, le varianti al Prg” e si è espressa giudicando “ammissibili solo modesti interventi relativi alla realizzazione di piccoli insediamenti legati alla proprietà e alla eventuale gestione delle aziende agricole a conduzione familiare”.

Nello stesso atto licenziato dal Consiglio, “in coerenza con quanto stabilito nelle linee guida che hanno accompagnato il nuovo Piano Regolatore Generale” - spiega il sindaco, Cesare Martini - viene fatto presente che “per le caratteristiche ambientali e i vincoli presenti nell’area di Ugliano, i piccoli insediamenti possono essere gli unici che possono considerarsi effettivamente compatibili con il territorio. In pratica, per Ugliano come per altre eventuali zone vincolate, ci riserveremo valutazioni sui singoli progetti in merito alla qualità degli stessi e in particolare in merito a cubature, materiali utilizzati, posizionamento di nuovi manufatti."

"Manteniamo i vincoli in questa che è una zona paesaggisticamente tutelata – ha sottolineato durante il suo intervento in aula il sindaco, Cesare Martini, che ha spiegato – Con questo atto ribadiamo il nostro netto e deciso no a un progetto di 12mila metri quadrati, che è risultato fin dal suo vero deposito estremamente invasivo e d'impatto, pur dichiarandoci disponibili, nei limiti di cubature attorno a mille metri quadrati, a valutare idee e progettualità che possano dare, a chi ha un’azienda in questa come in altre zone, un’occasione per implementare la stessa attività agricola purché però questa rimanga nei canoni della conduzione familiare e sia rispettosa soprattutto dell’ambiente”.

Sullo stesso argomento il primo cittadino settempedano, che ha presentato anche l'intero iter della pratica e lo stato dell'arte durante la seduta del Consiglio, è intervenuto pure per rispondere a una interrogazione a risposta orale presentata del consigliere Gilberto Chiodi con cui si domandava di conoscere “lo stato della procedura amministrativa, l’iter seguito e la richiesta formulata da parte degli istanti Boscorosso e Agricola Rocchetta, se corrispondesse al vero che il sindaco avesse conoscenza di quanto affermato dall’ing. Remo Ranzuglia in merito a preventive verifiche informali sulla praticabilità del progetto in parola e, in caso di risposta affermativa, in quali termini e in quali circostanze e se l’ente Comune abbia mai formalmente emesso atti amministrativi ovvero corrispondenza a firma del sindaco o di altro componente la Giunta comunale prima della delibera n.33 del 22 febbraio 2016”.






Questo è un articolo pubblicato il 25-03-2016 alle 16:49 sul giornale del 26 marzo 2016 - 735 letture

In questo articolo si parla di politica, san severino marche, daniele pallotta, articolo, ugliano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/avfs





logoEV
logoEV