Conta dei danni a Castelraimondo: 1303 le richieste di sopralluogo, 452 gli sfollati

Terremoto Castelraimondo, Cassero 3' di lettura 13/11/2016 - Sono ancora dati non definitivi quelli che emergono a due settimane dalla scossa di domenica 30 ottobre che ha gravemente lesionato strutture pubbliche e private nell'intero territorio comunale di Castelraimondo.

Attualmente, sono 1303 le richieste di sopralluogo presentate al Centro Operativo Comunale che, assieme agli uffici amministrativi, si è trasferito nei locali al secondo piano di Piazza Dante n.1. Sono in corso, nel frattempo, i sopralluoghi FAST, le verifiche speditive per definire l’agibilità dei fabbricati composte da tecnici accreditati della Regione Marche.

Sono 25 gli edifici pubblici gravemente danneggiati, tra i quali il Palazzo Comunale con la Torre del Cassero ed il Teatro Comunale, in Piazza della Repubblica, il Castello di Lanciano sede del Museo Maria Sofia Giustiniani Bandini, e in particolare tutte le Chiese del Capoluogo e delle frazioni. Sono agibili e perfettamente funzionanti invece gli edifici scolastici, dove da una settimana è ripresa la normale attività scolastica, la Casa di Riposo e gli Impianti Sportivi, che continuano ad ospitare i diversi centri d'accoglienza aperti dopo le scosse. Attualmente sono ancora 389 le persone assistite nei centri d'accoglienza.

Sono, invece, 452 le persone sfollate che non possono rientrare nelle proprie abitazioni. Di queste, 40 hanno scelto di alloggiare in una delle strutture convenzionate con la Regione, mentre 371 hanno fatto richiesta per il Contributo di Autonoma Sistemazione. Almeno 20 le attività commerciali danneggiate: nei prossimi giorni è stata convocata una riunione con i titolari per verificare la situazione e le esigenze.

Danneggiate e lesionate anche le frazioni del comune: Castel Santa Maria era già stata definita zona rossa e totalmente evacuata, così come anche la frazione di Collina dove quasi la totalità delle abitazioni non è più agibile. Lesionata in parte anche Crispiero: la popolazione, in gran parte anziana, sta ricevendo sostegno presso l'Hotel Panorama di Crispiero, struttura anch'essa convenzionata con la Regione e rimasta perfettamente fruibile a seguito del terremoto.

"Come amministrazione comunale di Castelraimondo intendiamo esprimere il più sincero e cordiale ringraziamento a tutti coloro che in queste due settimane di emergenza hanno fatto la propria parte nella gestione di ogni situazione presente sul territorio comunale a seguito delle forti scosse di questo ottobre - ha scritto l'amministrazione in una nota - Il nostro grazie va alla Protezione Civile, alla Croce Rossa Italiana, alle Forze dell'Ordine, ai dipendenti comunali, ai numerosi volontari che si sono adoperati senza lasciare indietro nessuno, ma in particolare vorremmo menzionare le quattro squadre dei Vigili del Fuoco di Pesaro Urbino che si sono succedute in queste due settimane e ci sono restate affianco, comprendendo ed esaurendo ogni esigenza ed ogni necessità con il fine unico e primario dell'incolumità, la sicurezza ed il più perseguibile benessere della popolazione e della cittadina di Castelraimondo in questa prima fase critica dell'emergenza, e che hanno reso possibile le numerose richieste di recupero dei beni di prima necessità dei cittadini che in questo momento si trovano costretti fuori dalle loro abitazioni. A tutti va il nostro più caloroso e sincero ringraziamento."


   

da Comunicamonti
Comunicazione e formazione





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-11-2016 alle 19:41 sul giornale del 14 novembre 2016 - 1989 letture

In questo articolo si parla di terremoto, castelraimondo, comunicamonti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aDpL





logoEV
logoEV