Galvanina invia 50mila bottiglie di acqua alle zone terremotate. Contributo economico anche per Unicam

2' di lettura 17/11/2016 - “Ho conosciuto la condizione di chi vede crollare tutto e lo sconforto di chi pensa sia tutto perduto. Ho provato anche la sensazione di chi non si sente aiutato, ma destinatario solo di tante parole di solidarietà. Il terremoto di questi ultimi mesi, il dramma delle imprese e delle famiglie, il ricordo delle mie sofferenze, mi spingono a muovermi subito”.

Rino Mini, presidente di Galvanina Group, vide crollare sotto una nevicata eccezionale il tetto del suo nuovissimo stabilimento ‘Val di Meti’, vicino ad Apecchio, nelle Marche. In una notte si dissolsero investimenti, sogni e il lavoro di tante famiglie. La forza di reagire, l’aiuto determinante dei lavoratori, consentirono allo stabilimento di riprendere la produzione in poco tempo. Fu definito un miracolo della volontà di reagire. “Provai sulla mia pelle quella drammatica situazione di totale abbandono ed oggi immagino cosa significhi per quella gente, che ogni giorno e tramite i media ci testimonia con grandissima dignità la propria disperazione”.

Da qui la volontà di muoversi subito. Con un’azione concordata con la Protezione Civile, sono partiti verso le zone terremotate i primi camion di acqua minerale (50.000 bottiglie) dopo quelli inviati immediatamente dopo le prime scosse del 24 agosto scorso. Galvanina ha inoltre inviato un primo ed importante contributo economico a favore dei primi interventi per far ripartire l’Università di Camerino. “Galvanina ha sperimentato in questi anni la qualità del lavoro svolto dall’Ateneo, in particolare dal Centro Ricerche Igienistiche e Sanitarie-Ambientali della Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute all’Università degli Studi di Camerino”.

Infine un invito. “Sono stato combattuto – conclude Mini - se mantenere riservata questa iniziativa o se divulgarla. Ho deciso per la seconda strada solo perché spero che altri imprenditori si uniscano destinando aiuti, sotto forma di sostegno economico o in altre forme possibili in base alle realtà del territorio. Un esempio? I nostri trasportatori, Yanna Trasporti di Rimini, hanno offerto i trasporti di tutti i prodotti che abbiamo spedito e che spediremo ancora in futuro. A volte basta anche un piccolo gesto per non far sentire sole ed abbandonate queste persone che stanno soffrendo così tanto per aver perso tutto ciò che avevano!”.

Chi volesse unirsi nell’aiuto all’Università di Camerino può farlo tramite l’Iban IT09 Y060 5568 8300 0000 0014 851 - BIC BAMAIT3AXXX - Nuova Banca delle Marche Intestato a #ilfuturononcrolla – Università degli Studi di Camerino. Sono arrivati anche i ringraziamenti da parte della Regione Marche - Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile, che ha sentitamente ringraziato per la donazione concessa alla popolazione colpita dal sisma in questi mesi, esprimendo riconoscenza per la sensibilità e generosità dimostrata.


   

dagli Organizzatori





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-11-2016 alle 12:56 sul giornale del 18 novembre 2016 - 1114 letture

In questo articolo si parla di attualità, terremoto, camerino, galvanina

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aDz1





logoEV
logoEV