Altri aiuti per San Severino dopo il sisma: arrivato anche un castello gonfiabile

3' di lettura 27/11/2016 - “Tornare a vedere i bambini sorridere è la cosa più bella del mondo”. Così i rappresentanti della Provincia di Frosinone, del Comune di Ferentino - città gemellata con quella di San Severino Marche fino dal 1998 -, della XV Comunità montana “Valle del Liri”, sono tornati di nuovo a far visita ai terremotati settempedani.

Una spedizione che ha fatto seguito a quella di pochi giorni fa. Stavolta la Ciociaria si è mossa per portare, insieme a tanti generi di prima necessità consegnati alla Protezione Civile locale, anche materiale didattico e doni agli alunni dell’Istituto comprensivo “Padre Tacchi Venturi”. Per allietare qualche momento di svago dei più piccoli è stato montato a scuola anche un castello gonfiabile poi lasciato fra i tanti regali che hanno allietato una giornata speciale.

A guidare la delegazione del Comune di Ferentino c’erano il sindaco, che è anche presidente della Provincia di Frosinone, Antonio Pompeo, il vice sindaco, Luigi Vittori, il funzionario delegato ai Servizi Sociali, Marinella Marinelli, poi il presidente della XV Comunità montana “Valle del Liri”, Gianluca Quadrini, i consiglieri Luigi Bianchi, Carlo Nota, Rocco Di Rollo, il sindaco del Comune di Isola del Liri, Vincenzo Quadrini, l'assessore Francesco Romano insieme ad altri amministratori e rappresentanti dell’Istituto comprensivo “Garibaldi”, delle scuole materne, dell’associazione San Domenico Guardie zoofile di Sora, dell’associazione Litaa, dell’associazione Giovani all’Opera Missionari dei negozianti di Isola del Liri, dell’associazione Donatori di sangue Policlinico di Roma est, dell’Avis comunale di Paliano, dell’Avis comunale di Fiuggi, dell’Aver di Ferentino, della Polizia Penitenziaria della casa circondariale di Frosinone e di altri sodalizi.

A ricevere la nutrita delegazione, giunta a San Severino Marche con una colonna mobile, il sindaco della città, Rosa Piermattei, e l’assessore ai Servizi alla Persona, Vanna Bianconi, insieme al presidente dell’Avis, Anelido Appignanesi, al vice presidente, Alberto Pancalletti, al coordinatore del gruppo dei volontari della Protezione Civile, Dino Marinelli, e al dirigente scolastico del Comprensivo “P.Tacchi Venturi”, Sandro Luciani, che ha raccolto i pacchettini dono confezionati per gli alunni delle elementari.

“Siamo tornati di nuovo nel cuore dell’Italia ferita - ha dichiarato commosso il presidente della Comunità montana “Valle del Liri”, Gianluca Quadrini - per continuare a riempire almeno in parte il vuoto lasciato dopo le violente scosse che tutt’ora sembrano non essere cessate. Grazie a tutti gli enti, le associazioni, le Amministrazioni comunali per tutto l’immenso lavoro svolto per portare a termine questa grande iniziativa benefica. Ringrazio di cuore Cristian Riggi per aver organizzato in modo eccellente tutta l’operazione. L’impegno instancabile di tutti è stato ancora il motore di questa iniziativa”.

"I risultati anche questa volta sono stati più grandi delle aspettative iniziali e ciò ci riempie di soddisfazione” ha affermato il presidente della Provincia e sindaco di Ferentino, Antonio Pompeo, che è stato accolto in città dall’abbraccio del sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei, con queste parole: “La solidarietà ci sta facendo scoprire gente meravigliosa e un’Italia che si sta dimostrando veramente il più Bel Paese del mondo”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-11-2016 alle 16:25 sul giornale del 28 novembre 2016 - 2593 letture

In questo articolo si parla di attualità, terremoto, san severino marche, Comune di San Severino Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aDXV