Ghergo Matelica, i sindacati: "Nessuna certezza"

Ghergo Matelica 30/11/2016 - Lunedì 28 novembre si è tenuto l’incontro in Regione Marche per il gruppo Ghergo, alla presenza dell’assessore al lavoro Loretta Bravi.

L’incontro precedente era terminato con tante domande in attesa di risposta, sul futuro produttivo e occupazionale dei tre siti del gruppo che occupano 350 lavoratori tra Porto Recanati, Matelica e Sassoferrato.

Lunedì si sono tenute in tutti e tre gli stabilimenti le assemblea con i lavoratori e le lavoratrici. L’unica valutazione possibile è una profonda delusione per la totale assenza di risposte e di certezze e una incontenibile preoccupazione per le prospettive future. L’atteso piano industriale non è stato presentato. E’ al vaglio degli istituti di credito e solo dopo verrà presentato.

A Sassoferrato sono iniziati i lavori di messa in sicurezza a seguito del sisma e vengono confermati piccoli investimenti per il rafforzamento del reparto produttivo; finché questi investimenti, tra l’altro limitati a puro e semplice ammodernamento, non saranno concreti rimane alta la preoccupazione.

A Matelica il crollo del capannone sembra avere determinato danni molto più estesi di quanto apparso inizialmente. Oltre a questo resta una incognita totale sulla reale volontà dell’azienda di acquisire i nuovi impianti produttivi e di verniciatura, a seguito della avvenuta vendita dell’attuale linea di produzione. Anche per gli ammortizzatori sociali legati al sisma c’è da attendere il decreto e la convenzione con le regioni. Non una data, non una certezza, niente di niente….

A Porto Recanati, sempre dopo l’ok degli istituti di credito, si preannuncia una pesante riorganizzazione del sito aziendale: la fusione per incorporazione nella Holding, un riesame degli equilibri finanziari di ciascuna divisione del reparto produttivo e una dichiarazione di numerose eccedenze tra il personale indiretto. E’ stato garantito il pagamento delle retribuzioni, seppure con molti giorni di ritardo rispetto alla consueta data di pagamento, mentre non c’è alcun programma di recupero dei contributi pensionistici arretrati da diversi trimestri. Bisognerà aspettare il parere delle banche per saperne di più. Non una data, non una certezza, niente di niente….

Si continua a chiedere senso di responsabilità ai lavoratori, chiamati a lavorare in tutti e tre gli stabilimenti per i picchi di lavoro di fine 2016 in condizioni esterne e personali pesantissime. Ma la responsabilità di dare risposte da parte dell’azienda se la assumerà mai qualcuno?






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-11-2016 alle 18:43 sul giornale del 01 dicembre 2016 - 1638 letture

In questo articolo si parla di lavoro, terremoto, matelica, recanati, sassoferrato, fiom cgil, fim cisl, ghergo, Uilm Uil

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aD9d