Casette su terreni privati dopo il sisma, Ricciatti si scontra con il sottosegretario Giacomelli: "Folle impedirle"

On. Lara Ricciatti 2' di lettura 13/01/2017 - “Stiamo parlando in un contesto di straordinarietà dove, probabilmente, al governo non è chiaro che solo un folle può parlare di vincoli paesaggistici ed urbanistici in paesi che oggi sono fantasma, che non esistono più, che sono sotto cumuli di macerie”.

Lo ha affermato l’on. Lara Ricciatti (SI) nel corso di un duro confronto alla Camera dei Deputati con il sottosegretario di Stato alle Attività produttive Giacomelli, delegato dal governo a rispondere alle interpellanze urgenti.

La deputata di Sinistra Italiana ha sottoposto al governo la vicenda delle ordinanze di alcuni comuni terremotati delle Marche, come Pieve Torina, che hanno autorizzato i cittadini residenti a realizzare, a proprie spese ed in aree di proprietà privata, casette di legno per far fronte ai tempi lunghi della burocrazia. Ordinanze che avevano trovato una ferma opposizione della Regione. Il sottosegretario Giacomelli ha ribadito, nel corso della sua risposta, la vigenza di tutte le norme ed i vincoli urbanistici ordinari, sottolineando come la costruzione delle casette in legno avrebbe esposto i proprietari a sanzioni di natura penale, come previsto dalle leggi vigenti e dagli orientamenti giurisprudenziali maggioritari.

"Una soluzione che avrebbe permesso ai residenti - ha spiegato Ricciatti nel corso del suo intervento - di restare nei propri comuni e di tenere uniti i propri nuclei familiari. La normativa richiamata dal sottosegretario è sacrosanta in circostanze ordinarie, se volessi costruire una casetta di legno per prendere il tè nel mio giardino; quello che non capisco e reputo folle è impedire una ipotesi di questo tipo: si tratterebbe di una soluzione per un lasso di tempo circoscritto, senza costi per lo Stato e con la condizione di rimuovere il tutto al momento della dichiarazione di agibilità delle case vere e proprie”.

Ricciatti ha sottolineato come le casette siano le stesse acquistate dallo Stato, quindi sicure da ogni punto di vista, e idonee ad affrontare l’emergenza di questi giorni con temperature rigide e neve. Perplessità sono state sollevate anche sul privilegiare la soluzione dei container che “sono freddi e non in grado di garantire adeguata intimità familiare, considerato che in molti casi vedranno la ‘convivenza forzata’ di più nuclei familiari. Davanti a questa situazione io vorrò vedere quale sarà quel giudice che si assumerà la responsabilità di accusare e condannare quelle persone terremotate di abuso edilizio”, ha concluso Ricciatti.


   

da On. Lara Ricciatti
Deputata Sinistra Italiana





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-01-2017 alle 14:59 sul giornale del 14 gennaio 2017 - 2107 letture

In questo articolo si parla di terremoto, politica, Parlamento, lara ricciatti, SeL, sinistra italiana

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aFpq





logoEV
logoEV