Rischio slavine a Bolognola: evacuate 20 persone, ma 40 vogliono restare. Il sindaco: "Rimarranno in zona sicura"

spazzaneve 1' di lettura 19/01/2017 - Rischio valanghe a Bolognola a causa della tanta neve e dello sciame sismico in corso. Per questo motivo è stata richiesta l'evacuazione di circa 60 persone: 20 sono state sistemate in un hotel a Pescara, mentre 40 non se ne vogliono andare dal loro paese.

"Vogliono rimanere lì nonostante il rischio valanghe - spiega Sciapichetti all'Agenzia Dire - E' un problema, ma noi più di offrirgli una sistemazione a Pescara non possiamo fare. Stiamo cercando in tutti i modi di portarli via ma non c'è verso".

E' rimasta in paese anche il sindaco di Bolognola, Cristina Gentili, che ha deciso di restare al fianco dei suoi concittadini. "Abbiamo fatto evacuare i 20 che, dopo il terremoto, erano stati trasferiti nei container e che si trovavano nell'area più pericolosa del paese - ha detto il sindaco Gentili alla Dire - Gli altri 40 dormono, in casa o nelle roulotte, in una zona più sicura perché protetta da barriere paravalanghe e da una pineta. Il rischio slavine ovviamente c'è ma non è l'area più pericolosa del paese. Non possiamo portarli via contro la loro volontà. Avrei preferito che tutti i cittadini rimasti avessero accettato il trasferimento sulla costa".

(immagine di repertorio)






Questo è un articolo pubblicato il 19-01-2017 alle 21:02 sul giornale del 20 gennaio 2017 - 2093 letture

In questo articolo si parla di attualità, neve, bolognola, Riccardo Antonelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aFCx





logoEV
logoEV