Allarme fiumi dopo la tanta neve, Pambianchi: "Controllare sorgenti e versanti, la tecnologia c'è"

fiume Chienti 3' di lettura 20/01/2017 - “Il fiume Nera è passato da una portata di 3 metri cubi al secondo a ben 7 metri cubi al secondo".

E' l'allarme lanciato da Gilberto Pambianchi, Presidente Nazionale dell’Associazione Italiana di Geomorfologia e docente dell’Università di Camerino. "Alcune sorgenti che avevano un gettito di 40 litri al secondo, si sono addirittura completamente asciugate - ha spiegato - Dopo i terremoti l’energia che si libera crea conseguenze nella dinamica in superficie, dunque sono raddoppiate le portate dei fiumi. Ora sarà necessario controllare le sorgenti, controllare i versanti soprattutto quelli dove insistono gli acquedotti e controllare i fiumi. Quando la neve si scioglierà le portate dei fiumi aumenteranno ulteriormente e le valli potrebbero entrare in crisi. Bisogna porsi anche il problema di quello che potrebbe accadere dopo”.

Pambianchi fa parte del gruppo di ricercatori che sta studiando i cambiamenti del territorio dell’Appennino in seguito agli ultimi terremoti. “E’ probabile che il mutamento causato dal terremoto possa manifestarsi con la destabilizzazione dei versanti. Oggi - ha proseguito Pambianchi - la tecnologia è dotata di tutti gli strumenti finalizzati al controllo dei versanti. A tutto questo potrà aggiungersi un altro fattore non secondario in quanto le falde acquifere potrebbero addirittura depauperarsi con conseguenze dure anche durante la ricostruzione che sicuramente sarà lunga. Il depauperamento delle falde acquifere può portare ad assenza di acqua, dunque ad una crisi idrica. Questi temi ovviamente non sono nuovi alla comunità scientifica, ma rappresentano una novità per l’opinione pubblica. C’è il decreto 189 del 2016 'Misure per l’ambiente' che necessita di integrazioni. Nello stesso decreto si pone il tema della rimozione delle macerie di un terremoto, ma è fondamentale anche trattare il tema della sicurezza dopo un terremoto. Oggi la tecnologia offre tutti gli strumenti satellitari per intervenire in fase preventiva sui versanti delle montagne, ma è necessario che tutto ciò sia previsto dal decreto e che si inserisca la geomorfologia nelle norme vigenti”.

Forte la denuncia di Pambianchi. “In questi anni non abbiamo per nulla rispettato la natura prendendo esempio ed imparando a anche dai contadini di una volta, i quali avevano memoria storica di eventi già accaduti. L’albergo Rigopiano – ha dichiarato Pambianchi - con ogni probabilità non avrebbe dovuto essere in quel posto. E’ necessario che i geologi conducano i cittadini a vedere la natura, che si esca e si facciano escursioni sul posto, si conduca la gente a vivere la natura, ad osservare la natura”.

Tutela assoluta del paesaggio e ricognizione dei versanti: interviene anche l'Aigae. “ Le Guide Ambientali Escursionistiche Italiane esprimono piena solidarietà alle popolazioni colpite dal sisma e dall’emergenza neve. Va assolutamente fatta una ricognizione - ha dichiarato Filippo Camerlenghi, Vice Presidente Nazionale delle Guide Ambientali Escursionistiche - per verificare la sicurezza o eventuali modifiche subite dai versanti. I sentieri potrebbero essere stati devastati. Sarà necessario nelle prossime settimane e magari anche nei prossimi mesi ricontrollare l’intero territorio colpito dal sisma e dall’emergenza neve. Le Guide Ambientali Escursionistiche si impegneranno costantemente in questa attività garantendo al territorio il rispetto del suo valore geologico."


   

da Aigae
Ass. Ita. Guide Ambientali





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-01-2017 alle 11:02 sul giornale del 21 gennaio 2017 - 1367 letture

In questo articolo si parla di attualità, fiume, fiume chienti, rischio idrogeologico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aFC9





logoEV
logoEV