Andati a ruba i prodotti delle aziende terremotate a Torino

1' di lettura 17/06/2018 - Torneranno a casa con i furgoni vuoti gli agricoltori del maceratese del mercato di Campagna Amica invitati in questi giorni al Villaggio Coldiretti aperto al pubblico nei Giardini Reali di Torino.

Iniziativa alla quale hanno partecipato sette aziende terremotate del maceratese con tanti prodotti Made in Marche da far provare ai turisti italiani e stranieri. Fagioli, formaggi, olio extravergine di oliva, vino di visciole e dolci alla visciola, vino cotto, confetture, zafferano, ortaggi, frutta fresca e sciroppata. Una vasta scelta all'insegna del gusto e del chilometro zero.

"Siamo davvero soddisfatti – commenta il presidente di Coldiretti Macerata, Francesco Fucili – perché gli affari sono andati molto bene. Rispetto ai precedenti Villaggi di Napoli e Bari, qui a Torino abbiamo incontrato molte più persone. Bella anche l'iniziativa della "spesa sospesa" con la gente che ha lasciato qualche euro in cassetta e gli agricoltori che hanno preparato pacchi alimentari che sono stati consegnati al sindaco Appendino per donarli ai poveri".

In pratica è stata mutuata l’usanza campana del “caffè sospeso”, quando al bar si lascia pagato un caffè per il cliente che verrà dopo. E la risposta è stata molto positiva. "C'è stata una grande affluenza nel segno della solidarietà – ha sottolineato Tommaso Di Sante, presidente di Coldiretti Marche – e con le tante presenze abbiamo messo in luce ancora una volta la qualità dei prodotti del territorio marchigiano. Un ringraziamento va alla Coldiretti nazionale che ha mostrato in ogni occasione vicinanza alle aziende in difficoltà a causa del terremoto".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-06-2018 alle 20:06 sul giornale del 18 giugno 2018 - 507 letture

In questo articolo si parla di attualità, coldiretti macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aVHp





logoEV
logoEV