Spazio alle chitarre al San Severino Blues Festival

3' di lettura 24/07/2018 - Dopo Popa Chubby arriva un altro grande evento di questa stagione di San Severino Blues.

Una produzione esclusiva, voluta e messa in piedi dalla direzione artistica del festival che ha contattato Luca Giordano per invitare due straordinari chitarristi come Chris Cain e Carlos Johnson a suonare sul palco di Largo Servanzi, dopo il successo che hanno ottenuto nell’edizione 2017 con i loro concerti separati a Cingoli e San Severino. Si è creata così un’occasione unica e irripetibile di vedere insieme, Cain, Johnson e Giordano, sullo stesso palco per una grande Notte delle Chitarre del Chicago Blues. Cain e Johnson sono due artisti di culto del blues contemporaneo, tra i migliori chitarristi del mondo, ambedue capaci di trasmettere dal vivo emozioni profonde.

Due stili differenti e complementari, quello raffinato e intriso di jazz di Chris Cain e quello istintivo, spartano e tradizionale della West Side di Carlos Johnson, dialogheranno e improvviseranno, forti del sostegno della straordinaria band di Luca Giordano, eccellenza italiana della chitarra blues nel mondo.

Chris Cain è una vera e propria icona del blues moderno. Lo stile raffinato, intriso di sfumature jazz, la voce calda e intensa del ragazzo prodigio di Memphis colpirono mostri sacri come BB King e Albert King. Ha suonato con Albert Collins, Albert King, Robben Ford, Larry Carlton. Nei suoi numerosi dischi alterna caldissimo blues e grande rhythm'n'blues: l’album di debutto, “Late Night City Blues”, ha ottenuto ben quattro nominations al W.C. Handy Blues Award. Il fuoriclasse della Gibson ha vinto numerosi premi con i dischi “Cuttin Loose” e “Can't Buy a Break”.

Carlos Johnson è un artista di culto del Chicago blues, uno dei più grandi chitarristi a livello mondiale. Il suo stile mescola il blues spartano e tradizionale della West Side con elementi più contemporanei funky. Dal vivo colpisce la sua tecnica da mancino che suona con le corde rovesciate in uno show mozzafiato per i cultori del blues, ma anche per amanti del rock e del funky. Ha suonato con e per Koko Taylor, Otis Rush, Junior Wells, Son Seals, Carey Bell, Buddy Miles, Billy Branch. Poche e preziose le sue apparizioni live come pochi e rari sono i dischi della sua carriera solista, da “My Name Is Carlos Johnson” a “Live at B.L.U.E.S”, una delle meraviglie live di questo incredibile artista.

Luca Giordano è oggi uno dei più grandi bluesman europei. Il suo raffinato ed emozionante stile blues-jazz-funk ha conquistato le platee europee, statunitensi e ora anche quelle sudamericane. La sua carriera, partita da Chicago, è cresciuta nei club e festival europei e USA da protagonista, al fianco di leggende come Billy Branch, Eddie C. Campbell, Jimmy Burns, Bob Stroger, Willie “Big Eyes” Smith e di artisti contemporanei quali Eric Guitar Davis, John Primer, Chris Cain, Carlos Johnson, Sugaray Rayford. Dal 2017 fa parte integrante della band e del progetto internazionale “Griot Blues” creato dal profeta del blues Mighty Mo Rodgers con il musicista africano Baba Sissoko.

Appuntamento per giovedì 26 luglio alle ore 21.30 presso il largo Servanzi Confidati di San Severino.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-07-2018 alle 12:21 sul giornale del 25 luglio 2018 - 266 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, san severino marche, san severino blues

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aWUT





logoEV
logoEV