L'eredità geopolitica di Mattei in un convegno a Matelica, la famiglia: "Non vogliamo parlare della morte, ma della sua figura"

21/10/2018 - Enrico Mattei protagonista al teatro Piermarini di Matelica nel giorno precedente all'anniversario della morte avvenuta nei cieli di Bascapè il 27 ottobre 1962.

56 anni dopo, l'Associazione Geopolitica Enrico Mattei, guidata dal presidente Aroldo Curzi Mattei, organizza un convegno molto interessante sull'eredità geopolitica lasciata dal petroliere.

In platea molti volti noti del panorama industriale italiano e circa 150 studenti delle scuole matelicesi, mentre sul palco interverranno il rettore dell'Università di Camerino Claudio Pettinari, il dottor Riccardo Strano vice presidente del Consorzio Grotte Frasassi e dirigente internazionalizzazione della Regione Marche, lo studioso di geopolitica e direttore scientifico dell'associazione dr. Paolo Quercia e infine l'ambasciatore Paolo Foresti, consigliere diplomatico del Ministro per gli Affari Europei. A moderare l'incontro sarà lo stesso Aroldo Curzi Mattei.

Il rettore Pettinari illustrerà il rapporto tra Mattei e il mondo della formazione, mentre Strano si occuperà di presentare al pubblico la figura di Mattei in relazione al territorio e nello specifico dell'immagine della regione Marche nel mondo. Foresti aprirà invece una parentesi sulla politica estera dell'Italia di Mattei.

Il dr. Quercia, ex Sottosegretario agli Esteri, entrerà nei dettagli della geopolitica italiana dell'energia. "Parleremo di tante cose, da quanto c'è della caparbietà tipica dei marchigiani in quanto fatto da Mattei alla necessità del sapere funzionale all'affermazione dell'Italia nel mondo dell'energia - spiega Quercia - Tutti messaggi chiave utili anche al mondo industriale odierno. L'attività di Mattei ci porta nel mercato internazionale e nella vera geopolitica. Ogni paese ha infatti le sue necessità e figure come quelle del petroliere matelicese servono oggi come all'epoca".

Il convegno è solo una delle diverse giornate di studi organizzate in tutta Italia dall'associazione guidata da Curzi Mattei. Associazione che tornerà protagonista a Matelica a giugno, con un simposio di 3 giorni in cui si riunirà un importante comitato tecnico scientifico sempre per parlare di geopolitica. "Non vogliamo parlare della morte di nostro zio, ma delle ricadute che la sua figura ha avuto sul nostro paese. Su questo ci concentreremo nelle prossime attività" fanno sapere i nipoti Rosangela Mattei e Aroldo.

Per l'occasione del 26 ottobre sarà organizzata anche una visita guidata allo stupendo museo Enrico Mattei, situato nell'omonimo palazzo adiacente al museo Piersanti e al teatro Piermarini.





Questo è un articolo pubblicato il 21-10-2018 alle 12:38 sul giornale del 22 ottobre 2018 - 3527 letture

In questo articolo si parla di attualità, matelica, enrico mattei, Riccardo Antonelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZAZ