I sindacati sull'incidente sul lavoro a Matelica

1' di lettura 31/01/2019 - Le scriventi Feneal UIL, Filca CISL e Fillea CGIL apprendono con tristezza e sgomento la notizia dell’infortunio mortale accaduto mercoledì mattina in un cantiere edile a Matelica.

Khalil Khalil è la prima vittima in un cantiere edile della ricostruzione post sisma. Siamo consapevoli che gli annunci e le denunce del giorno dopo non servono a nulla, ma riflettere sull’accaduto deve almeno riportare l’attenzione, di tutti, sulla formazione e la prevenzione nei luoghi di lavoro e sopratutto nei cantieri edili.

Dalle prime verifiche sembrerebbe che il lavoratore, da circa vent’anni in Italia di cui circa quindici trascorsi da operaio nei cantieri edili, non avesse effettuato la dovuta formazione così come previsto da C.C.N.L. Nel credere fermamente che sia il lavoro a riportare dignità alle comunità devastate dal sisma, crediamo fermamente che sia obbligo/dovere della comunità prendersi cura della qualità del lavoro (formazione, sicurezza, orario, C.C.N.L. applicato ecc.)

Pertanto segnaliamo ancora una volta la scarsità di organico nei vari servizi ispettivi ed in particolare il Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL) che negli ultimi cinque anni si è dimezzato senza minimamente tener conto che, già da due anni, e soprattutto nei prossimi dieci o quindici nella nostra provincia si apriranno migliaia di cantieri pubblici e privati.


da Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-01-2019 alle 12:15 sul giornale del 01 febbraio 2019 - 1683 letture

In questo articolo si parla di attualità, matelica, Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/a3Or





logoEV
logoEV