Scuola Luzio, Borioni: "Percorsa la strada della demagogia facendo leva sulle paure dei genitori"

scuola luzio 2' di lettura 18/06/2019 - Abbiamo fatto tanto per evitare che un tema così importante finisse tra le chiacchiere di paese eppure siamo di nuovo alle solite: spunta a sorpresa una delibera e giù commenti, osservazioni, post sui social e repliche, senza la benché minima comunicazione ufficiale.

Quindi pur non volendo, eccoci chiamati a dover mettere in chiaro alcuni aspetti e precisare nuovamente la nostra posizione. Quando il destino della scuola elementare Luzio e con essa del plesso dell'infanzia era ancora legato a supposizioni, organizzammo un incontro pubblico dal titolo "La scuola al centro". Si riteneva infatti che tale argomento meritasse maggiore trasparenza, maggiore attenzione e soprattutto un maggiore coinvolgimento della cittadinanza e di tutti i soggetti che a diverso titolo sono coinvolti in un passaggio cruciale della vita della nostra comunità. Scopo dell'incontro era quindi riporatre la scuola al centro dell'attenzione e certamente non condizionare l'opinione pubblica verso un particolare punto di vista.

Abbiamo chiesto in tutti i modi chiarimenti sulle valutazioni fatte, sulle opzioni vagliate e sulle vie intraprese dall'amministrazione, si è cercato di coinvolgere tutte le parti in causa, istituzioni, associazioni, professionisti, per dare voce a chiunque, a diverso titolo, volesse esprimersi su tale argomento. Come vuole, nei fatti, una democrazia. Perché quando mancano informazioni e dati certi la fantasia vola, e se circolano faraonici progetti, sproporzionati, tanto irrealizzabili quanto allettanti, va a finire che qualcuno ci crede.

Si potrebbe arrivare a pensare, volendo essere maliziosi, che sia stata una strategia per acquisire consenso o più semplicemente una banale illusione. Si è voluto percorrere la strada della demagogia facendo leva sulle ansie e paure dei genitori. Fatto sta che era chiaro sin dal principio che lo stanziamento ricevuto era palesemente insufficiente per realizzare quanto promesso e che era destinato a sistemare la Luzio, scuola mai dichiarata inagibile che da due anni ospita i ragazzi dell'Istituto Tecnico Divini.

Costruire una nuova scuola era ed è una buona idea, tanto che siamo l'unica lista ad averla inserita come uno dei punti cardine del nostro programma elettorale. Forse ci si doveva solamente concentrare su San Severino, arricchirla, rafforzare la sua rete, seguire il suo modello di sviluppo (e il suo piano regolatore), provare a sfruttare le sue risorse anziché rischiare di impoverirla per seguire una chimera.


da Francesco Borioni
Consigliere Comunale 'Centrosinistra per San Severino'





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-06-2019 alle 12:10 sul giornale del 19 giugno 2019 - 385 letture

In questo articolo si parla di politica, san severino marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a8IC





logoEV