Il raduno estivo dell'atletica regionale a Camerino per la 20esima volta (foto)

3' di lettura 27/08/2019 - Vent’anni a Camerino. Il raduno regionale estivo taglia un importante traguardo e prosegue la tradizione che ha preso il via nel 1999.

Stavolta sono presenti 92 giovani atleti, tra convocati di prima fascia e altri che hanno aderito all’iniziativa. Per tutti, nelle quattro giornate da lunedì 26 a giovedì 29 agosto, c’è l’obiettivo di preparare al meglio la seconda parte della stagione: allievi (nati negli anni 2002-03) e cadetti (2004-05), oltre ai ragazzi (2006-07) del Trofeo Coni. Al Centro Culturale Benedetto XIII del Collegio Enrico Mattei, la delegazione al completo con tutti gli atleti è stata ricevuta oggi dal rettore dell’Università di Camerino, Claudio Pettinari: “È da venti anni che portiamo avanti questo progetto. Non ci può essere università senza sport, che insieme alle attività culturali contribuisce a formare i giovani. La nostra intenzione è di migliorare ulteriormente gli impianti sportivi, per farli diventare un fiore all’occhiello della nostra regione, e di dare agli studenti la possibilità di praticare il maggior numero possibile di discipline sportive. E per la crescita dei ragazzi è fondamentale un raduno come questo, da vivere intensamente”.

Il presidente del Comitato regionale Fidal Marche, Giuseppe Scorzoso, ha ripercorso le tappe che hanno contrassegnato negli anni questa iniziativa: “Siamo riusciti a trovare qui le condizioni ideali per svolgere l’attività del raduno estivo. Un connubio per noi vincente, fatto di legami con persone che hanno volontà e passione”.

Tra i protagonisti saliti sul palco, i fiduciari tecnici regionali che hanno vissuto l’esperienza dello stage a cominciare da Franco Lorenzetti e Mauro Ficerai, per arrivare a Robertais Del Moro, attualmente in carica: “Siamo orgogliosi di essere ancora a Camerino, perché c’è un’accoglienza e un’ospitalità al massimo livello. Qui abbiamo trovato il luogo ideale, sul piano tecnico e organizzativo”. In prima fila gli atleti che si sono messi in evidenza nella stagione, alcuni presenti per l’intera durata del raduno: le velociste Melissa Mogliani Tartabini e Greta Rastelli che hanno fatto doppietta alla rassegna nazionale allieve sui 100 metri, quindi le campionesse italiane Angelica Ghergo (400 allieve indoor) e Sara Zuccaro (martello juniores), le altre azzurrine Benedetta Trillini (alto juniores) e Martina Cuccù (100 ostacoli allieve) fino al lunghista Matteo Colletta, bronzo tricolore indoor tra gli allievi.

Significativo l’intervento di Stefano Belardinelli, presidente del Cus Camerino: “Ci avete fatto crescere come dirigenti - le sue parole - e ci avete dato forza in questi 20 anni per mettere lo sport al centro dell’attenzione, insieme allo studio. L’atletica delle Marche ha avuto risultati eccezionali in questa stagione, anche grazie al nostro Ahmed Abdelwahed che ha vinto il titolo italiano assoluto nei 3000 siepi”.

Sono intervenuti quindi Lucia Jajani, vicesindaco e assessore allo sport del Comune di Camerino, e Andrea Spaterna, componente del consiglio di amministrazione dell’Erdis in rappresentanza dell’Università di Camerino, insieme a Fabio Luna, presidente Coni Marche, e Giuseppe Illuminati, delegato Coni Macerata, oltre a Fabio Sturani, responsabile segreteria presidente Regione Marche, e Roberto Cambriani, segretario del Cus Camerino e consigliere regionale Fidal Marche.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-08-2019 alle 18:38 sul giornale del 28 agosto 2019 - 367 letture

In questo articolo si parla di sport, atletica, fidal marche, camerino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/a036





logoEV
logoEV