Assemblea sulla scuola a Matelica, l'opposizione: "Ennesima parata dell'amministrazione Baldini"

5' di lettura 19/09/2019 - Il 12 settembre, data molto vicina all’inizio dell’anno scolastico, ci si aspettava, che nei locali della Scuola Media in via Roma, si parlasse di Scuola, di istruzione, ma ci siamo trovati di fronte all'ennesima parata politica dell'Amministrazione Baldini.

Tutti presenti al tavolo, Sindaco, Vice Sindaco, Assessori e Consiglieri ed il Preside Boldrini, allineato a loro già dalla campagna elettorale. L'invito rivolto ai genitori dei bambini frequentanti le scuole materna, elementari e medie è stato positivamente accolto con l'aula magna gremita. Addirittura anche l'adiacente aula docenti, seppur chiusa ed al buio, era stranamente popolata, dai soliti “cittadini" che vigilano sull’operato di questa maggioranza. Brutto evidenziare che In molti sono andati via prima della fine dell’incontro. Era un'assemblea pubblica dell'amministrazione? Allora perchè non farla in un luogo pubblico con leale e civico contraddittorio.

L'apporto del preside e le informazioni fornite sono state pressoché di contorno. Da parte sua un elogio all'attuale amministrazione, che ha permesso di verniciare le aule del plesso di via Roma, Ha anche espresso gratitudine per l’installazione delle nuova LIM di ultima generazione nelle stesse aule, ma senza dire naturalmente, grazie a chi e' stato reso possibile questo intervento. Ve lo diciamo noi per trasparenza e dovere, dall'amministrazione di "PER MATELICA" e in particolare dall’allora sindaco Delpriori che ha trovato e dato alla scuola una donazione di 25.000 € da parte del Credito Valtellinese. Sempre dal Preside e' giunta una giusta critica sugli ultimi 30 anni di immobilismo verso la scuola da parte delle amministrazioni che si sono succedute. E' riuscito a strappare qualche sorriso con aneddoti legati al passato scolastico, sdrammatizzando un'atmosfera troppo seriosa, fin quasi ostile, impostata dal Sindaco Baldini e dall'Assessore Procaccini. Informazioni decontestualizzate e false da parte di quest'ultima, a conferma di un approccio distruttivo verso l'operato della precedente amministrazione, un motivo che la contraddistingue dall’inizio del suo mandato e che, francamente, la qualificano come attività politica.

Come ad esempio, riguardo la mensa che verrà realizzata nell’edificio dell'Istituto Tecnico Commerciale. Gli spazi ora concessi grazie all'intervento politico del presidente della Provincia Pettinari, sono stati più volte richiesti precedentemente, ma mai concessi, come dichiarato anche in un incontro con l'allora minoranza dove era presente Massimo Baldini e l'ex Consigliere Paolo Sparvoli. Ricordiamo poi che quelle presentate dall'Assessore Procaccini ancora come scelte a sua avviso sbagliate e non condivise, di trovare una sede (AGIBILE) per i bambini delle elementari per spostarli da un edificio INAGIBILE, sono state sempre prese in accordo con la Presidenza dell'Istituto Comprensivo e condivise con la minoranza. In situazione di EMERGENZA con lo sciame sismico più devastante della storia moderna d’Italia che era ancora in atto.

Tanto, come ha già dichiarato, il terremoto è finito, ed è per lei facile la retorica quando non si èvissuto sulla propria pelle la responsabilità di gestire un evento del genere. L’Assessora a Tutto, ha mostrato il suo unico sorriso della serata, quando dichiarava "se fosse per me ce li avrei messi già dentro" riferendosi ai bambini. Si, ai bambini da 3 a 5 anni e non sedie o banchi, che vuole a forza rimettere al secondo piano dell'edificio di Via Bellini una scuola materna in deroga, con un indice di vulnerabilità sismica di 0,16 per la quale lei stessa ha previsto di spendere oltre 1 milione e 200 mila euro per l'adeguamento sismico. Per questa, ci teniamo ancora ad evidenziare che viene ancora ignorato l'iter già avviato dall'amministrazione Depriori per la progettazione e realizzazione di una nuova scuola materna in un’area già individuata e libera, di proprietà comunale (in foto). Buttato nel secchio il progetto già pronto per la nuova scuola dell’infanzia?

Buttato nel secchio il finanziamento per realizzarla, pubblicato l’11/07/2019 e scaduto il 20/09/2019? Si tutto buttato nel secchio, per ripicche personali mascherate da ipocriti e falsi proclami alla collaborazione. L’assessore Procaccini, piena di sé e senza altri motivi, vuole spostare a forza i bambini, al secondo piano una scuola non adatta, non sicura e nemmeno adeguata sismicamente con delle uscite di sicurezza che in caso di evacuazione nemmeno un adulto potrebbe percorrere agevolmente. Figuriamoci un bambino da 3 a 5 anni! Sono i bambini che ora vanno al prefabbricato in via Bramante che, a quanto dichiara sempre la Procaccini, sono privilegiati perché in uno stabile più sicuro e quindi, vanno spostati seguendo la regola del “o tutti o nessuno”. Non crediamo ci sia necessità di commentare oltre. A detta del Sindaco Baldini saranno i genitori e la presidenza scolastica a decidere. Ci chiediamo: Ma il senso di responsabilità di un amministratore dove è andato a finire? Perchè scaricare ai genitori, che non sono tecnici, tale onere?

E' stato dichiarato dello stesso Sindaco che il prezzo del buono mensa non aumenterà a fronte dei costi sostenuti per la realizzazione dello spazio adibito a mensa, e che i costi del personale saranno assorbiti dal gestore della mensa, anche perché nelle linee di programma che hanno appena votato in consiglio, facendole diventare un atto ufficiale, hanno dichiarato che toglieranno la quota sulla mensa. E gli aumenti per le famiglie? Quali aumenti, vi chiederete. Quelli NON comunicati in questa assemblea.

Sembra che la tariffa del pre e post scuola sia aumentata del 100%. Ci giungono notizie da genitori che sono andati a pagare in comune che rispetto ai 25 euro mensili dell’anno scorso si è passati a 50 Euro. Alla domanda lecita del perchè di tale aumento, la risposta da parte della solerte impiegata comunale è stata: "Perchè prima costavano troppo poco".

Ci chiediamo ancora più allibiti: la notizia degli aumenti deve essere nascosta dagli amministratori e la giustificazione deve essere data da un’impiegata comunale, che evidentemente si preoccupa di amministrare al posto di qualcun altro? Purtroppo stiamo assistendo al fatto che oltre a non perseguire scelte giuste ed adeguate per le scuole di Matelica soprattutto per motivi personali, l’amministrazione Baldini sta sbandierando le ovvietà di scelte ordinarie, nascondendo sempre di più le verità, o, peggio, scaricando le responsabilità su altri.


da Per Matelica
Gruppo consiliare di minoranza





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-09-2019 alle 13:45 sul giornale del 20 settembre 2019 - 689 letture

In questo articolo si parla di politica, matelica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/baLK





logoEV