L'associazione della corsa alla spada di Camerino ha un nuovo presidente

1' di lettura 07/11/2019 - E' figlia d'arte la nuova presidente dell'Associazione Corsa alla spada e palio di Camerino, Stefania Scuri, docente di biologia di Unicam.

E' stata infatti eletta dal comitato direttivo alla guida della rievocazione storica ed è la seconda in famiglia a ricoprire questo incarico, dopo il papà Vincenzo Scuri, che è stato presidente agli inizi degli anni '90, precisamente dal 1990 al 1994 e che raffigurò in corteo anche la nobile famiglia dei Da Varano insieme alla moglie Ignazia Carrus.

La sua candidatura è stata sottoposta ed accettata all'unanimità dalla commissione formata dai rappresentanti del Comune, della Comunità montana, della parrocchia di San Venanzio e dei tre terzieri. La notizia dell'elezione a guida dell'Associazione rievocativa ha raggiunto la neo presidente negli Stati Uniti, precisamente a Philadelphia, dove Stefania Scuri si trova in questi giorni.

Scuri subentra così a Sandra Gentili, uno dei più longevi presidenti che per ben due volte è stata a capo dell'associazione dal 2007 al 2012, poi negli ultimi due scorsi anni, quelli del post terremoto, periodo inaugurato da Giuseppe Corridoni nell'edizione del 2017. Sempre attiva fin da bambina all'interno della manifestazione, che vide suo papà, il prof. Vincenzo Scuri, fra i promotori della stessa insieme agli ideatori Angelo Raponi (primo presidente) e don Luigi Scuppa.

Stefania Scuri è stata una delle anime del terziere di Sossanta, al quale ha sempre appartenuto. Fra le altre novità a livello di incarichi e ruoli in vista della 39esima edizione del 2020, c'è la nomina del capo-terziere di Di Mezzo di Carlo Croia e quella del ritorno di Paola Ticani alla guida del terziere di Muralto, mentre a Sossanta c'è la riconferma di Paolo Paternesi.


di Angelo Ubaldi
redazione@viverecamerino.it





Questo è un articolo pubblicato il 07-11-2019 alle 12:51 sul giornale del 08 novembre 2019 - 2229 letture

In questo articolo si parla di attualità, camerino, angelo ubaldi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcv9