Sae, Cgil: "Mancato rispetto delle regole ricaduto sia su lavoratori che su terremotati"

1' di lettura 06/02/2020 - A seguito di dichiarazioni stampa prendiamo atto che per il Consorzio Arcale, nella persona del presidente Gervasi non ci sia, “nessun problema, quindi, per accogliere le conclusioni dell’accertamento fatto dall’Ispettorato del Lavoro, su richiesta della Regione Marche, per quanto riguarda i lavoratori della Gesti One”.

Dichiariamo, però, che non siamo disposti ad attendere un minuto in più dal tempo consentito dalla legge, le risultanze dell'accertamento dell'Ispettorato del Lavoro costituiscono un titolo esecutivo per questo stiamo istruendo i relativi decreti ingiuntivi. E' inaccettabile che si voglia ancora non onorare, a distanza da tre anni dai fatti, le giuste retribuzioni dei lavoratori, avendo negato sin dal dicembre 2017 l'esistenza di tali problematiche, accusando la Cgil di Macerata di “una montatura” e di “aver gettato fango”. Sottolineiamo che il danno causato dal mancato rispetto delle regole, considerato soprattutto la natura pubblica dell'appalto, non è ricaduto solamente sui lavoratori ma anche sui terremotati, sui cittadini e sulla collettività. Non vi consentiamo di mancarci di rispetto perché non lo fate alla CGIL di Macerata ma ad un intero Territorio che resiste alle difficoltà, lotta per il futuro e crede nella legalità.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-02-2020 alle 13:39 sul giornale del 07 febbraio 2020 - 429 letture

In questo articolo si parla di lavoro, cgil, macerata, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bfXT





logoEV
logoEV