Sisma: approvati 15 aggregati edilizi nel centro di Camerino

1' di lettura 06/02/2020 - Sono stati approvati in Consiglio comunale 15 aggregati edilizi nel centro storico di Camerino danneggiati dal sisma da recuperare con interventi unitari.

Gli uffici comunali stanno procedendo all’esame della definizione degli aggregati in attuazione della volontà espressa dal Consiglio comunale stesso e sono state esaminate le proposte di aggregato presentate dai cittadini. Dopo l’approvazione spetterà, successivamente, all’Ufficio Ricostruzione privata procedere agli adempimenti previsti dall’ordinanza. Inoltre, nel centro storico, sono già stati costituiti 6 consorzi volontari. “Siamo molto soddisfatti dell'approvazione dei primi 15 aggregati. È un grande e lungo lavoro, ma si sta portando avanti con grande impegno e abnegazione. Un primo passo, che arriva a distanza di tre anni, ma concreto e significativo per l’avvio della ricostruzione in centro – spiega il sindaco Sandro Sborgia - I cittadini possono organizzarsi conferendo l’incarico ai progettisti. Confermiamo anche la nostra forte volontà di un rapporto sempre più stretto tra la cittadinanza, che deve essere partecipe alla macchina amministrativa, gli uffici comunali e l’amministrazione: per qualsiasi dubbio o spiegazioni le porte sono sempre aperte e siamo a disposizione di ogni cittadino".

Sul sito è stata pubblicata la planimetria con evidenziati gli aggregati approvati e i consorzi già costituiti (https://www.comune.camerino.mc.it/). Nel frattempo sono già sotto esame e si sta lavorando per concludere la proposta di un altro blocco di aggregati che abbiamo intenzione di portare nel prossimo Consiglio comunale, per l’approvazione”. Intanto domani alle 21 nella sala consiliare, alla Contram in via le Mosse 19 si svolgerà il Consiglio comunale aperto sul tema della sanità.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-02-2020 alle 19:30 sul giornale del 07 febbraio 2020 - 787 letture

In questo articolo si parla di attualità, camerino, comune di camerino, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/bfZe





logoEV
logoEV