Pasqui: "Orgogliosi che la ripartenza di Vallicelle passi dalle opere della mia amministrazione"

3' di lettura 19/02/2020 - Sono orgoglioso di avere avuto conferma che la ripartenza del quartiere Vallicelle passa attraverso tutte le opere messe in piedi dall’amministrazione Pasqui, in particolare mi riferisco alla caserma dei carabinieri e alla struttura socio assistenziale (casa di riposo) donata dalla Croce Rossa Italiana.

Esprimo soddisfazione nell'aver visto confermare dal Sindaco Sborgia tale situazione.

Ieri sera, a Vallicelle, si è svolta una riunione indetta dall’amministrazione per fare il punto della situazione, io vivo nel quartiere e ho partecipato all’incontro. La riqualificazione dell’area va avanti attraverso i progetti della mia amministrazione. L’assessore Marco Fanelli ha ribadito che alcuni palazzi continueranno ad essere sotto la perimetrazione permettendo, questa, anche la possibilità dell'interramento dei cavi di alta tensione (perimetrazione già approvata dalla “mia”Amministrazione).

Nota grave invece che dopo 9 mesi manca ancora la firma della convenzione per la costruzione della Caserma dei Carabinieri e sostanzialmente tutto è fermo ad allora e cioè alla fine del mio mandato da Sindaco.

Per la struttura provvisoria del Comune di certo il grazie va alla Protezione Civile che in risposta alla mia soluzione progettuale di Aprile 2019, valutando le opere di urbanizzazione troppo costose in altro luogo, ha indicato ed autorizzato l'attuale amministrazione a poter costruire la struttura provvisoria del Comune su di un'area di protezione civile di Vallicelle (ricordo fino a "ieri" occupata dai container).

Per quanto concerne i tempi della ricostruzione, finalmente dopo averne sentite di belle e dopo aver sempre individuato nell'ex sindaco il colpevole, siamo giunti alla conclusione che le tempistiche non possono essere date in quanto, così sostiene Sborgia, non abbiamo la sfera di cristallo.

Gravissimo, a mio avviso, il fatto di aver consentito lo spostamento degli studenti, importantissima risorsa per il quartiere ed in particolare per le attività commerciali ivi delocalizzate. Anche se la convenzione per tenere i moduli abitativi temporanei che ospitavano gli studenti scadeva a febbraio 2020 e' altrettanto vero che Sborgia doveva garantire il rinnovo di tale contratto, magari applicando le stesse condizioni per l’area “container”delle Cortine, e se questo, per un motivo o per un altro, non si poteva fare bisognava assolutamente intervenire in maniera decisa, assumendosi le responsabilità del caso per scongiurare in tutti i modi tale gravissima situazione. Inoltre siamo ancor più preoccupati del venir meno di questi posti letto per gli studenti UNICAM, posti letto realizzati anche per sopperire nell' immediatezza del sisma alla carenza di alloggi in Città.

Si ricorda inoltre che come formalmente richiesto dal Magnifico Rettore sono stati realizzati ulteriori moduli abitativi temporanei alle Cortine proprio perché quelli di Vallicelle non erano sufficenti. Quindi domando se questi posti letto non potevano far comodo ad ospitare gli studenti, considerato che, da quello che sappiamo dovrebbero partire presto i lavori di ristrutturazione dei collegi siti in loc. Colle Paradiso.

Infine mi pare di aver capito che i pericoli per la salute legati al centro Ada e sempre urlati da alcuni, in particolare dell’Assessore Fanelli, siano terminati con l'elezione dell'attuale amministrazione. Mi viene da dire, tutto bene quel che finisce bene...


da Gianluca Pasqui
Capogruppo opposizione





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-02-2020 alle 16:50 sul giornale del 20 febbraio 2020 - 2881 letture

In questo articolo si parla di politica, camerino, Gianluca Pasqui, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bguw





logoEV
logoEV