Camerino piange il leader dell'Orchestra Esposto: Paolo e il suo gruppo hanno scritto la storia del liscio

3' di lettura 25/05/2020 - Con la scomparsa nei giorni scorsi (il 16 maggio) del mitico fisarmonicista Paolo Esposto (60 anni), che ha combattuto a lungo con una malattia incurabile, se n'è andato un pezzo importante dell'omonima band "Orchestra Esposto" del liscio ed allo stesso tempo una lunga pagina della storia della musica camerte, che va dalla metà degli anni '70 fino al 2000 (anno di cessata attività del gruppo).

La loro piacevole musica animò i locali di tutt'Italia ed era citata nelle riviste specializzate come quella "Romagna Mia" della famosa orchestra Casadei. Terzo di 5 fratelli, con Franco e Giovanni (i primi due fratelli), insieme a Massimo e gli altri componenti, Paolo era il leader dell'orchestra, considerato che era il fisarmonicista della band e il suo strumento era il simbolo della musica liscio. Talento naturale, estro e fantasia, così Paolo, con le tastiere della sua fisarmonica coinvolgeva, insieme all'altrettanto alta professionalità degli altri componenti, la gente nei locali e nelle balere di tutt'Italia, portando in giro il nome di Camerino.

Ben 90 le serate di media annue in cui la band camerte, orgoglio della città e della stessa famiglia Esposto (cresciuta dal niente ed amata ancor di più in città), è riuscita ad esibirsi, ritagliandosi un ruolo di primo piano addirittura lungo tutto lo stivale. Mitico anche il pullman da 12 metri con cui l'Orchestra Esposto affrontava quelle magiche trasferte, all'insegna della musica e del divertimento, con uno spirito allegro che la caratterizzava ovunque. Una storia semplice, ma anche bella ed in crescendo, per un gruppo partito a metà degli anni '70 a livello locale già con una solida base famigliare, composta appunto dai fratelli Paolo (fisarmonica), Franco (chitarra) Giovanni (basso) e Massimo (batteria), con i quali poi suonarono anche altri musicisti camerti come Tonino Tantali (batterista), Gianluca Salvi (chitarrista) ed ancora Andrea Fattoretti (sax) e Gilberto Spurio (sax). Poi la band Paolo Esposto si allargò fino ad arrivare al gruppo storico dei "magnifici 9" componenti, con l'arrivo del maestro Vincenzo Correnti (oggi insegnante presso la scuola di musica di Camerino e noto clarinettista e compositore, che allora studiava ancora in conservatorio e che fu anche l'arrangiatore del gruppo, dove suonò fino alla cessazione dell'attività nel 2000) e l'altro musicista locale Gilberto Spurio. Vi fecero parte, inoltre, anche la vocalist Cinzia Bardeggia, il sax Mauro Pesciarelli e Tonino Tassi (tromba e voce maschile) tutti di Sassoferrato.

Bella, divertente ed appassionata anche la discografia realizzata dall'Orchestra Spettacolo Esposto negli anni d'oro, che incide grazie alla casa discografica "Musica e Poesia" di Rimini ed inizia nel 1992 con il primo album dal titolo "Ballare e Sognare", prosegue poi l'anno successivo con l'album "Canto per te", quindi nel 1995 esce "Scherzando insieme" e nel 1997 l'ultimo disco dal titolo "Voglia d'estate".

Le canzoni dell'Orchestra Esposto non sono più solo nel vinile o nei Cd, ma si possono ancora ascoltare online (cliccando qui o qui). La scomparsa di Paolo Esposto, che lascia moglie e due figli, i fratelli, l'amatissima nipotina Ginevra e tutti i parenti, ha lasciato profondo cordoglio nella sua Camerino, anche se da tempo viveva con i suoi cari a Pieve Torina, dove è stato tumulato.


di Angelo Ubaldi
redazione@viverecamerino.it







Questo è un articolo pubblicato il 25-05-2020 alle 13:01 sul giornale del 26 maggio 2020 - 3720 letture

In questo articolo si parla di attualità, camerino, angelo ubaldi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bmo4