Sisma, ANACI a Legnini: "Ancora nessuna risposta sui compensi o invito"

legnini 3' di lettura 19/01/2021 - Gli amministratori di condominio pongono una nuova urgente questione nelle aree del sisma, ANACI (Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari) chiede infatti, dopo avere inviato duie missive ufficiali, al Commissario Legnini il ripristino delle aliquote definite per i compensi previsti dall’ordinanza 19 articolo 8 che sono quelli previsti per l’Emilia (anno 2012) o per Ischia Anno 2017) ma inferiori a quelli dell’Aquila.

“Anche gli amministratori iscritti ad ANACI sono professionisti a tutti gli effetti” in base alla legge n.4/2013, spiega il Presidente nazionale dell’Associazione Francesco Burrelli che non isola la richiesta alla sola retribuzione spettante alla categoria ma chiede anche che lo stesso Commissario Straordinario “possa convocare negli appositi incontri anche gli amministratori come avviene con gli altri professionisti”, dice sempre Burrelli che conferma “la piena e comprovata autorevolezza degli amministratori a sedere nei tavoli istituzionali dai quali sono invece sistematicamente esclusi”.

Inoltre, spiega Burrelli, il Commissario Legnini ha approvato nel marzo scorso due ordinanze per l’anticipazione di risorse a favore dei soggetti professionali in merito a prestazioni tecniche dai quali “ancora gli amministratori sono esclusi. "Il Commissario – dice Burrelli - non può continuare a sottovalutare e discriminare il ruolo svolto dalla nostra categoria verso i condomini e la cittadinanza per favorire la ricostruzione di queste aree disagiate. Il sisma 2016, che ha visto le Marche come regione più colpita, è stato il più distruttivo ma per gli amministratori il meno retribuito rispetto alle attività svolte verso i cittadini, anche di carattere psicologico, per non parlare dei ripetuti incontri con i tecnici, il tempo impiegato per il reperimento dei documenti necessari agli stessi tecnici per il proseguimento delle pratiche da sostenere, e il lavoro di raccordo svolto nell’immediatezza del sisma con i Comuni e gli altri enti istituzionali”.

Sono quindi molteplici i motivi di dolenza degli amministratori di condominio che il presidente Burrelli chiarisce in tutta evidenza, “Prima dell'erogazione del compenso in base allo stato di avanzamento (SAL 1 e SAL FINALE) solo agli amministratori viene chiesta la giustificazione del compenso; nelle diverse ordinanze la figura dell'amministratore ha le stesse limitazioni degli altri professionisti quando si parla di incompatibilità di collaborazione con altre categorie professionali ma, a differenza delle altre figure, non ci viene riconosciuto lo stato di professionista, ma pretendono collaborazione e disponibilità; l'Amministratore di condominio ha una funzione fondamentale nella gestione dei lavori come rappresentante del committente avendone la custodia con tutte le responsabilità che questo comporta”.

Il Presidente Burrelli fa anche riferimento alle ordinanze in essere, “oggi, dopo la 76, gli stessi amministratori si trovano ad avere una forte riduzione della parcella che nel caso di ricostruzione pesante supera il 50% di quanto si sarebbe percepito con l’ordinanza 19, e ad essere impossibilitati a chiedere ai condomini l'integrazione di quanto è stato decurtato con la nuova ordinanza visti i precedenti accordi presi”.

Di fatto conclude Burrelli: “La figura professionale dell'amministratore di condominio nella ricostruzione post sisma 2016 è stata sminuita enormemente anche se riveste un ruolo importantissimo. Il tempo e le energie che gli amministratori stanno dedicando alle pratiche sisma sono poi enormi e questo comporta ritardi nella gestione ordinaria di tutti quei condomini che fortunatamente non hanno avuto danni con conseguente rischio di perdita d'incarichi e quindi di reddito”.

Obiettivo minimo è che il Commissario straordinario Legnini “ci riceva al più presto per porre le giuste basi per quel confronto costruttivo che chiediamo da mesi ma che non c’è mai stato sino ad ora.La chiamata non deve esserci solo in caso di urgenza e necessità".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-01-2021 alle 18:09 sul giornale del 20 gennaio 2021 - 191 letture

In questo articolo si parla di economia, anaci, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bJ04





logoEV