Recovery plan e sisma, Fratelli d'Italia: "1,8 miliardi di euro non sono sufficienti"

Terremoto 1' di lettura 04/02/2021 - Questa mattina così come richiesto da Fratelli d'Italia, il commissario straordinario alla ricostruzione, Giovanni Legnini è stato ascoltato in commissione Bilancio alla presenza dei presidenti delle regioni colpite dal sisma.

Grazie alla nostra perseveranza, nel Recovery Plan è stato previsto un capitolo di spesa dedicato alla ricostruzione. Purtroppo però, l'attuale importo di 1,8 miliardi di euro non è sufficiente e per questo motivo ne proporremo l'incremento. Dobbiamo essere consapevoli che città come Amatrice, Accumoli, Arquata e tante altre, avranno un futuro di ripopolamento solo se investiremo anche sui collegamenti, non solo stradali e ferroviari, ma anche digitali e del web.

Fratelli d'Italia ha presentato numerosi emendamenti al decreto Milleproroghe per chiedere la proroga di tutte le agevolazioni fiscali per i cittadini dei territori colpiti dal sisma, compreso il credito d'imposta. Il nostro auspicio è che queste proroghe avanzino parallelamente allo stato di emergenza. Per Fratelli d'Italia, infine, occorre una moratoria sui servizi essenziali e mettere a sistema le risorse per far uscire dall'isolamento i nostri territori.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-02-2021 alle 13:12 sul giornale del 05 febbraio 2021 - 160 letture

In questo articolo si parla di terremoto, politica, comunicato stampa, albano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bMyD





logoEV
logoEV