L'Italia del tennis saluta Miami: Cocciaretto e Giorgi eliminate dal torneo negli Usa

3' di lettura 25/03/2021 - Con l'eliminazione al primo turno delle due marchigiane Elisabetta Cocciaretto e Camila Giorgi, battute rispettivamente dalla mancina australiana Sunders la fermana studentessa di Unicam e dalla russa trapiantata in Italia Samsonova la maceratese, nel primo torneo Wta1000 della stagione di Miami non c'è più un'italiana.

Se l'amarezza più grande è sicuramente quella della maceratese Camila Giorgi (nr 86 del mondo), battuta in 2 soli set (6-2; 6-4) da Ludmila Samsonova, in quanto era già nel tabellone principale, non si può dire altrettanto per la giovanissima fermana Elisabetta Cocciaretto che ha ceduto dopo quasi 2 ore di gioco ed in tre set (1-6, 7-5, 1-6) alla rientrante e più esperta australiana Storm Sunders, che ha confermato come le posizioni del ranking, lei che figura al nr 203, non sono spesso veritiere, visti anche i suoi precedenti in carriera.

L'australiana, più aggressiva, decisa e forte di servizio e gioco a rete per essere anche una valida doppista, ha colto subito di sorpresa una più emozionata Cocciaretto, che ha avuto un impatto timoroso e si è vista subito scappare il primo set con due doppi break in avvio (0-3) e poi (1-5) che spianavano la strada all'australiana che chiudeva in appena 30 minuti per 6-1. Più contenuto l'avvio iniziale del secondo set, che vedeva comunque sempre la rientrante Sunders (approdata al torneo con una wild-card) in vantaggio fino al 4-1. Quando ormai vedeva vicino il traguardo, ad un rilassamento fatto di troppi errore dell'australiana, faceva eco una costante rimonta, frutto di reazione e determinazione tipiche dell'azzurra che riusciva prima a rimontare fino al 5-5 e poi a sorpassare e chiudere il parziale in proprio favore per 7-5. Il sogno della Cocciaretto e dei fans (attaccati alla tv per la diretta del match slittata di un'ora e mezza per via degli incontri precedenti) s'infrangeva però contro il ritorno deciso e implacabile dell'australiana con un andamento simile a quello del primo set, con cui ripeteva lo stesso punteggio per il doppio 6-1 in suo favore, che gli vale il secondo turno dove troverà ad attenderla nella parte bassa del tabellone l'americana Jessica Pegula (nr 33 del mondo).

Bilancio comunque positivo per Elisabetta Cocciaretto contro un'avversaria, più esperta, non da primissime posizioni, ma molto difficile da affrontare anche per le big se è in forma, in quanto completa, potente e con un gioco sempre aggressivo. La Cocciaretto è stata comunque la migliore di tutte le azzurre in questo elevatissimo torneo Wta 1000 di Miami e l'unica a vincere due march arrivando dalle qualificazioni, per poi cedere comunque al terzo e dopo aver dato tutto. La Sunders si è dimostrata più forte, ma l'incontro è stato comunque avvincente ed ha mostrato quanto l'emozione o l'andamento negativo del match abbia influito sul morale della marchigiana.

Questa esperienza in Florida ha confermato in parte le ottime cose mostrate dalla Cocciaretto prima in Australia e poi in Messico ed ha dato indicazioni utili alla tennista ed al suo coach Fausto Scolari su cui lavorare per migliorare.


di Angelo Ubaldi
redazione@viverecamerino.it







Questo è un articolo pubblicato il 25-03-2021 alle 10:34 sul giornale del 26 marzo 2021 - 168 letture

In questo articolo si parla di sport, macerata, camerino, angelo ubaldi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bUmB





logoEV