Rally dell'Adriatico, via alle iscrizioni

2' di lettura 25/03/2021 - Prende il via da oggi, con l'inizio delle iscrizioni il campionato italiano rally su terra, con la 28esima edizione del Rally dell'Adriatico, che si svolgerà dal 23 e 24 aprile sugli sterrati del San Vicino compresi tra i comuni di San Severino, Cingoli e Apiro ed avrà come sede principale e di arrivo Cingoli, mentre a Jesi torna il parco assistenza e la partenza.

Il periodo utile per dare conferma alla partecipazione alla corsa si concluderà il 14 aprile. La gara, organizzata dalla Pus Group, è valida anche per il per il Campionato Italiano Rally Terra Storico, per il “tricolore” Cross Country (ammessi soltanto i “side by side”) e per la Coppa Rally di Quinta Zona.

Quella che porterà alle sfide con il cronometro, sui magici sterrati marchigiani da sempre molto apprezzati anche da piloti stranieri, non sarà un appuntamento facile. Il tracciato sarà molto tecnico e selettivo, strutturato su nove prove speciali, tre distinte da ripetere tre volte. La lunghezza totale del percorso sarà 280 km. dei quali 65 cronometrati La novità, invece, sulla logistica è il ritorno del Parco di Assistenza a Jesi, dove avrà luogo anche la partenza, mentre l’arrivo sarà in Piazza Vittorio Emanuele a Cingoli.

Ovviamente la gara verrà svolta nel pieno rispetto dei “protocolli covid” federali vigenti, quindi senza prevista la presenza di pubblico lungo le prove speciali e comunque adeguandosi alle successive direttive impartite dal legislatore. A causa della pandemia, lo scorso anno la gara del Rally Adriatico fu accorpata con il “Rally Balcone delle Marche” e disputato a settembre. Nell'occasione, il successo andò a Paolo Andreucci su Citroen C3 (nella foto), davanti a Simone Campedelli (VolksWagen Polo) e Giacomo Costenaro su Skoda Fabia R5.


di Angelo Ubaldi
redazione@viverecamerino.it





Questo è un articolo pubblicato il 25-03-2021 alle 13:50 sul giornale del 26 marzo 2021 - 177 letture

In questo articolo si parla di sport, san severino marche, cingoli, angelo ubaldi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bUqr





logoEV