Tribunale e carcere di Camerino, Pasqui a Roma incontra il sottosegretario Sisto

3' di lettura 16/06/2021 - Incontro questo pomeriggio a Roma fra il sottosegretario alla Giustizia Francesco Paolo Sisto e il Vice presidente del Consiglio regionale delle Marche Gianluca Pasqui.

Pasqui ha sottoposto all’attenzione del sottosegretario Sisto due questioni di fondamentale importanza per il territorio colpito duramente dal sisma del 2016: la ricostruzione della Casa Circondariale di Camerino e il ripristino del Tribunale nella stessa Città ducale. Per quanto riguarda la ricostruzione del carcere, argomento proprio recentemente tornato di grande attualità, Pasqui ha sottolineato l’importanza di questa struttura che andrà ricostruita ex novo in un’area già individuata sempre a Camerino. “Trattandosi di una struttura strategica, non sarà possibile riportarla nella vecchia sede in pieno centro storico ma sarà necessario procedere alla costruzione di un nuovo stabile. Ciò consentirà, fra l’altro, di poterne anche ampliare la capienza rispetto a quella originaria: la problematica inerente gli spazi, infatti, era già sorta anche in passato”.

Successivamente alla chiusura della Casa Circondariale di Macerata, l’attività della struttura di Camerino è stata infatti estesa all’intero ambito territoriale provinciale, con conseguente aumento delle necessità di custodia. Tutto ciò aveva comportato inevitabilmente un sovraffollamento della popolazione detenuta, in parte aggravato anche dalla carenza di personale di Polizia Penitenziaria. “La costruzione di una nuova Casa Circondariale con spazi più ampi - ha detto Pasqui - consentirà di sopperire, anche se solo in parte, a questa problematica. Il fatto, poi, che il carcere debba restare a Camerino non può neanche lontanamente essere messo in discussione”.

A ribadirlo con forza, è stato anche lo stesso Consiglio regionale delle Marche nella passata legislatura con una mozione del 28 febbraio 2017 votata all’unanimità dall’assise dove, fra l’altro, si legge “la costruzione di un nuovo carcere a Camerino è già inserita nel Piano carceri ... la costruzione del nuovo carcere significherebbe anche l’inizio della ricostruzione di un territorio profondamente ferito”.

Su questo punto, il sottosegretario Sisto si è fatto carico di approfondire la questione, garantendo a Pasqui un nuovo incontro entro la fine di giugno nel quale fare il punto della situazione. Per quanto riguarda il ripristino del Tribunale di Camerino, Pasqui ha sollecitato l’attenzione del sottosegretario Sisto alla proposta di legge alle Camere, di cui era promotore e primo firmatario, votata all’unanimità dal Consiglio regionale delle Marche. “Con la riforma del 2012, la sede di Camerino venne soppressa nell’ottica del contenimento della spesa pubblica e della stabilizzazione finanziaria e di una miglior organizzazione della distribuzione sul territorio degli uffici giudiziari. Sguarnendo i territori di questi importanti presidi di giustizia e del relativo apparato amministrativo si è andati ad impoverire tutto un contesto, sociale, economico e civile, isolando ancora di più i cittadini delle zone periferiche. A Camerino, fra l’altro, la chiusura del tribunale ha avuto effetti ancora più gravi, vista la presenza di una antica Università con Facoltà di Giurisprudenza. La concentrazione del “servizio giustizia” solo presso i tribunali delle città capoluogo di Provincia, eliminando i tribunali delle zone interne, ne ha reso estremamente gravoso l’accesso, anche a causa delle estensioni territoriali dei circondari giudiziari, nonché delle difficili condizioni orografiche, logistiche e infrastrutturali. Sul ripristino del tribunale, però, il sottosegretario Sisto è stato molto chiaro: almeno fino alla fine di questa legislatura, non è previsto alcun ritocco alla riforma del 2012".


da Gianluca Pasqui
Vicepresidente del Consiglio Regionale





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-06-2021 alle 16:55 sul giornale del 17 giugno 2021 - 163 letture

In questo articolo si parla di politica, camerino, Gianluca Pasqui, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b7uS





logoEV
logoEV