Il Ritorno degli Esuli a San Ginesio

3' di lettura 18/06/2021 - L’Amministrazione Comunale di San Ginesio di concerto con l’Associazione Tradizioni Sanginesine ha deciso quest’anno di rievocare l’appuntamento lo scorso anno annullato a causa della pandemia con la prestigiosa rievocazione storica de “Il Ritorno degli Esuli” che sarà in programma per domenica 20 giugno.

Si chiamerà “Il Nuovo Inizio”, così da conferirgli subito una connotazione speciale: sarà l’edizione della “ripartenza”, sarà il pretesto di rinsaldare il legame profondo che già lega Siena e San Ginesio e sarà l’occasione per pianificare molteplici iniziative in entrambi i luoghi interessati dall’evento (tutto ovviamente nel rispetto delle normative anti Covid-19).

Domenica 20 giugno alle ore 16:00 un corteo storico in forma ridotta composto da rappresentanti della municipalità senese e ginesina partiranno da Porta Picena alla volta dell’Auditorium Sant’Agostino dove avverrà “l’abbraccio” tra le due Comunità e verrà presentato e sottoscritto il “Patto di Amicizia tra i Comuni di Siena e San Ginesio”. Il documento che il Sindaco di San Ginesio, Giuliano Ciabocco e il Vice Sindaco di Siena, Andrea Corsi, firmeranno pubblicamente si porrà l’obiettivo di rafforzare la promozione di scambi di natura turistica, culturale, economica, professionali, di amicizia e di collaborazione tra i due Comuni nel nome degli ideali di pace e di democrazia, nonché per una maggiore integrazione tra gli stessi.

Terminata la cerimonia all’Auditorium di Sant’Agostino, il corteo raggiungerà la piazza principale del borgo, Piazza A. Gentili dove, per l’occasione, sarà allestita e inaugurata una mostra celebrativa presso la Sala delle Carrozze di Palazzo Onofri. La rievocazione storica del Ritorno degli Esuli è uno degli eventi fra i più antichi e prestigiosi della Regione non tanto e non solo per le sue radici storiche, quanto e soprattutto per la presenza della municipalità di Siena nel corteo, che rende la manifestazione un unicum di assoluto rilievo in campo nazionale.

La vicenda narra dei trecento ginesini che tra l’anno 1450 e l’anno 1460 furono esiliati con l’accusa di sedizione, per aver tentato di riportare San Ginesio sotto il governo dei Duchi da Varano, Signori di Camerino, dal cui tirannico dominio la città si era liberata nel 1434. Gli esuli trovarono rifugio a Siena; lì si arruolarono nella guardia civica, si distinsero per diligenza e per fedeltà a tal punto che furono inviati a San Ginesio ambasciatori senesi, che perorassero la causa degli Esuli e ne ottenessero il rimpatrio. La causa fu vinta per l’eloquenza degli oratori senesi e per lo spirito civico mostrato dai ginesini. I trecento poterono così far ritorno in patria.

Sempre nell’ambito delle iniziative organizzate in forma congiunta tra le due Municipalità, domenica 27 giugno la Comunità ginesina sarà ospite a Siena nella splendida cornice della Fortezza Medicea per la rappresentazione della pièce teatrale della Strana Compagnia di Macerata, in collaborazione con la Scuola Danza "El Duende", dal titolo “Il messo e il Savio”, tratta da un racconto scritto da Giuseppe Porzi, edito dall’editore senese Betti , il racconto, che rievoca lo storico momento de Il Ritorno degli esuli, immagina un dialogo tra un consigliere dei Savi senese e un messo ginesino la notte prima del rientro. E' un confronto sulla nostalgia della terra natale, la tolleranza, la giustizia, il potere, la religione e l'istruzione, sola arma che può riparare dalla barbarie. Il ricavato sarà devoluto all’Associazione Tradizione Sanginesine.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-06-2021 alle 11:16 sul giornale del 19 giugno 2021 - 220 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, Comune di San Ginesio, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b7Fe





logoEV