Sisma, Patassini: "I fondi del contratto di sviluppo siano proporzionali ai danni"

Il Governo PD e 5stelle sbattono le porte in faccia ai terremotati 1' di lettura 23/06/2021 - “I fondi del contratto di sviluppo per le aree del sisma nel Centro Italia siano ripartiti sulla base del danneggiamento subito dai territori. Lo chiediamo in un’interrogazione al ministro competente, Mara Carfagna, affinché i bandi siano emanati nel rispetto di una operatività consolidata così da sostenere lo sviluppo omogeneo delle aree interne appenniniche”.

Lo afferma in una nota il deputato maceratese della Lega Tullio Patassini. “Nella cabina di regia sisma in cui siedono i rappresentanti delle regioni e dei comuni colpiti, si è storicamente operato nella direzione di definire le scelte sulla base dei danni subiti da ciascun territorio. Poiché il Contratto istituzionale di sviluppo (CIS) è destinato a sostenere progetti e investimenti integrativi e complementari alla ricostruzione materiale per favorire la ripresa economica delle aree terremotate, è fondamentale che la distribuzione degli interventi tenga presente l'effettivo impatto che il sisma ha avuto sui territori. A fronte di un danneggiamento che oscilla tra gli 85 comuni delle Marche e 13 del Lazio, passando per i 15 o 16 di Umbria e Abruzzo è evidente che criteri diversi dall’impatto percentuale impedirebbero al CIS di perseguire le sue stesse finalità”, conclude.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-06-2021 alle 11:19 sul giornale del 24 giugno 2021 - 155 letture

In questo articolo si parla di politica, lega, comunicato stampa, esasperazione cratere

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b8jR





logoEV
logoEV