Un'orchestra di 130 ragazzi grazie al Music Camp Tour: successo per la prima edizione tra Camerino, Muccia, Tolentino e Petriolo

4' di lettura 20/07/2021 - "Le diverse problematiche di disgregazione sociale post sisma e da pandemia che caratterizzano il territorio dell’entroterra maceratese, non hanno ostacolato l’entusiasmo dei giovani che hanno partecipato al NYCO Music Camp&Tour".

Con queste parole il Maestro Vincenzo Pierluca, coordinatore del progetto, racconta della prima edizione appena conclusasi del percorso musicale che ha visto ben 130 ragazzi provenienti dalle realtà dell’Alto Maceratese, sviluppare un lavoro atto a formare una orchestra e un coro giovanile.

L’iniziativa di importante attenzione anche turistica, ha riscosso grande interesse presso i giovani musicisti del territorio che hanno risposto numerosissimi all’edizione promossa dai Comuni di Camerino, Tolentino, Muccia e Petriolo, da numerose realtà del consistente tessuto associativo musicale del territorio, e patrocinata anche dall’Assemblea Legislativa della Regione Marche. Sono ben 31 i comuni di residenza dei giovani musicisti che composto l’orchestra e il coro giovanili. I ragazzi, dopo un percorso di studio e formazione, si sono esibiti davanti ad un folto pubblico nelle quattro date organizzate nei Comuni sostenitori del progetto. "L’esplosione di gioia dovuta alle relazioni ritrovate e alle nuove amicizie – sostiene il Maestro Pierluca –ha consentito la formazione dell’orchestra e del coro NYCO. Gli allievi hanno “lavorato” molto nei giorni del Music Camp sia con gli insegnati di strumento (ben 30 docenti di elevata esperienza e professionalità) sia nei laboratori, utili a creare una consapevolezza dei movimenti e del pensiero dell’atto di suonare e cantare insieme. Nelle quattro esibizioni – spiega Pierluca – abbiamo avuto modo di ospitare nel coro anche la giovanissima Anita Bartolomei, allieva NYCO vincitrice dell’ultima edizione dello Zecchino d’oro, che ha cantato con il coro NYCO il brano scritto da Simone Cristicchi “Custodi del mondo”. Lo stesso artista ha voluto mandare un video saluto ai ragazzi del NYCO che ha aperto la serata di Camerino ospitata nell’Auditorium Benedetto XIII. L’utopia e l’ambizione del progetto NYCO – conclude soddisfatto Pierluca - ha trovato compimento in questa prima edizione ponendo basi solide per lo sviluppo formativo e artistico per le future edizioni".

Grande soddisfazione espressa anche dagli altri partner musicali. "L’Istituto Musicale Vaccaj – spiega Piero Pietrani, dell’istituto Musicale N. Vaccaj di Tolentino - ha accolto sin da subito l’invito a partecipare al progetto Nyco – Music Camp & Tour 2021, pur rendendosi conto del grande lavoro che sarebbe stato necessario fare. La sinergia fra le associazioni e soprattutto l’entusiasmo, la professionalità e la capacità organizzativa di Vincenzo Pierluca, hanno permesso di far decollare un’iniziativa musicale dedicata a giovani musicisti senza precedenti, almeno in provincia".

Anche Luca Sparapani del Corpo Bandistico e Majorettes Città di Petriolo esprime grande soddisfazione. "Il duro lavoro di questi mesi è stato ripagato dai sorrisi e dalla gioia dei nostri ragazzi che hanno finalmente trovato dopo il sisma e la pandemia una occasione per tornare a condividere momenti di gioia e allegria accompagnati dallo studio della musica. L'entusiasmo degli organizzatori si è sommato a quello di tutti i genitori e dei Comuni che ci hanno aiutato in questo percorso".

Maurizio Cavallaro Dirigente dell’Istituto Comprensivo “U. Betti” di Camerino si unisce ai colleghi. "Una grande opportunità offerta ai ragazzi, ben 130 iscritti, che dà la possibilità di sviluppare un avvicinamento sano alla musica proprio attraverso il ruolo di primo piano della scuola. Uno stare insieme nella musica, dove non vi è ansia da prestazione ma collaborazione e divertimento. Il nostro lavoro è stato quello di mettersi al servizio dei nostri ragazzi, della loro crescita, del loro migliorarsi nello star bene assieme".

"Nyco-Music Camp ha favorito l’incontro tra ragazzi provenienti da diverse realtà – racconta Maurizio Maffezzoli della l’Associazione MusicaIncanto di Muccia – che, nel segno della musica, hanno lavorato per dare il meglio di loro stessi. Dopo questo lungo periodo di isolamento che è seguito al dramma del terremoto che ha colpito l’entroterra marchigiano, il progetto si è posto come una risposta concreta alla disgregazione del tessuto sociale e il concerto nella zona Sae di Muccia ha rappresentato un momento di grande emozione ed intensità".








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-07-2021 alle 11:46 sul giornale del 21 luglio 2021 - 350 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, tolentino, camerino, muccia, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cbdA





logoEV
logoEV