IL CONFRONTO A ESANATOGLIA. Sette domande ai candidati Bartocci, Cipolletta e Tizzoni

19' di lettura 28/09/2021 - Il 3 e 4 ottobre 2021 si terranno le elezioni comunali a Esanatoglia.

I cittadini che hanno diritto al voto sono chiamati ad eleggere il nuovo sindaco della città: la scelta è tra Luigi Nazzareno Bartocci, candidato con la lista "Santa Anatolia", Andrea Cipolletta candidato con la lista "Esanatoglia Domani" e Nello Tizzoni, candidato con la lista "Esanatoglia Bene Comune". Tutti e tre hanno accettato di sottoporsi alle nostre domande, un modo chiaro e semplice per consentire agli elettori di farsi una prima idea sulle opinioni di entrambi i candidati.

Chi è Luigi Nazzareno Bartocci?
"Sono Bartocci Luigi Nazzareno nato il 26 ottobre 1961, ho tre figlie, le prime due Giulia e Sara con la prima moglie e Sofia con l’attuale moglie Oksana. Ho svolto nella mia vita diverse attività, artigiano edile, geometra, responsabile qualità ed attualmente sono responsabile commerciale in un'azienda locale, abituato per forma mentis e per responsabilità ad affrontare i problemi partendo sempre da un'attenta analisi e contestualizzando le azioni. Sono il sindaco attuale ed ho svolto attività politico amministrativa continuativamente dall’anno 1994, anno della mia prima elezione in Consiglio Comunale e svolgendo per 4 mandati il compito di assessore e vicesindaco con il compianto sindaco Pizzi e due mandati, compreso l’attuale, come sindaco. Negli anni ho avuto il piacere di lavorare in prima persona per la mia Esanatoglia, con sempre ben chiaro in mente e nel cuore quale fosse la realtà virtuosa del mio Comune grazie al lavoro ed alla passione dei miei concittadini ed il ruolo centrale nel nostro territorio".

Chi è Andrea Cipolletta?
"Andrea Cipolletta, 48 anni, impiegato del Consiglio Regionale delle Marche, responsabile Enti Locali Lega provincia di Macerata, cercatore di tartufi e pescatore per hobby. Metto a disposizione di Esanatoglia esperienza politico-amministrativa e il filo diretto con il governo regionale e nazionale per stare al centro di opportunità e strategie per il territorio. Guido una squadra di cittadini che hanno unito capacità, competenze e sensibilità differenti per dare risposte ai bisogni reali di Esanatoglia. ll grande scrittore Italo Calvino ha scritto che “d’una città non godi le sette o le settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda”. Aveva ragione. Abbiamo raccolto la sollecitazione dei tanti cittadini che vogliono una Esanatoglia che proceda con un’altra velocità e sulla strada del futuro. Lavoriamo per una comunità viva e in prospettiva, dove si sviluppano lavoro e benessere, gli anziani non sono lasciati soli, i ragazzi esprimono il loro talento in ogni campo".

Chi è Nello Tizzoni?
"Nello Tizzoni, 61 anni, nato e cresciuto ad Esanatoglia fino alla laurea in ingegneria. Tanti mi ricordano da bambino, altri da ragazzo, altri da adulto. Forse il rimorso di essermi allontanato dal mio paese dopo la laurea, con la voglia di lasciare all’epoca queste montagne per conoscere altro, mi ha spinto a tornare, a spendere parte del mio tempo da futuro pensionato a disposizione di Esanatoglia. Ho trascorso la mia vita ad Ascoli Piceno, non lontano quindi, dove ho cresciuto ed ho la mia famiglia, composta da mia moglie Silvia e i due miei figli Alessandra e Giacomo. Dopo varie esperienze estere ho seguito la strada della dirigenza di aziende industriali, la mia carriera professionale è maturata principalmente in gruppi multinazionali in cui ho ricoperto posizioni apicali in vari paesi europei. Tutt’oggi dirigo una azienda di cui sono socio nel campo della grafite e quanto prima, avendo molti anni di contribuzione raggiungerei i requisiti pensionistici e quindi, mantenendo così dei rapporti di consulenza con le società con cui collaboro, avrei tempo per fare il sindaco del paese dove sono nato, con tanto onore e soddisfazione. L’invito è stato dei miei amici di infanzia e ho accettato ben volentieri questa possibilità di dirigere il comune di Esanatoglia".

Quali sono in breve i punti salienti del vostro programma?
(BARTOCCI) Il completamento del percorso già bene avviato della ricostruzione, le progettazioni e le opere dei fondi CIS già affidati e di quelli programmati per la realizzazione dei percorsi dedicati alle ciclovie integrate, del parco fluviale dell’Esino e di Tutteleterredelmondo, alla riqualificazione degli spazi urbani (ex scuole) l’importante progetto di recupero e riuso funzionale dell’area perimetrata dell’ex Conceria Zampini-Ottolina recentemente donata dalla società Santa Anatolia, il potenziamento della rete di assistenza sociale integrata con la creazione di reti di inclusione, laboratori e infrastrutture per il Dopo di Noi, la chiusura del percorso di Palazzo con la dotazione di strutture ricettive il potenziamento degli impianti sportivi di calcio e del Motocross, i progetti culturali del museo della ceramica e della casa museo Zampini, il sostegno alle associazioni di volontariato e una forte attenzione alla scuola, con il progetto già finanziato del nuovo polo e della palestra. Il progetto più importante è la formazione di una nuova classe politico-amministrativa allargando la partecipazione dei cittadini, in particolare dei giovani.

(CIPOLLETTA) Massima attenzione alle esigenze dei giovani, che fino ad oggi sono state ignorate ed attivare nuovi servizi per gli anziani: sono patrimonio della città. Ripenseremo le modalità e gli spazi della convivenza e dell’assistenza perché siano comunità armoniche. La socialità è alla base di ogni comunità e sport e associazionismo racchiudono valori educativi, sociali, inclusivi e promozionali: vogliamo riqualificare le strutture esistenti e realizzare dei nuovi impianti multidisciplina attenti alle esigenze dei cittadini. Ricostituiremo la Pro Loco e rilanceremo il “Corpo Bandistico di Esanatoglia”, che sta per festeggiare i 150 anni, come motore di un centro servizi per coltivare e sviluppare la passione per la musica. Esanatoglia ha le risorse che garantiscono un’offerta turistica difficilmente eguagliabile. Purtroppo fino ad oggi non le ha ancora valorizzate e messe a sistema né comunicate con strumenti e linguaggi moderni. Lo faremo anche attivando nuove aree camper e sviluppando un progetto di “albergo diffuso”.

(TIZZONI) Il lavoro come prima cosa. Il sindaco sicuramente dovrà mettere a disposizione una zona industriale ben organizzata e poi principalmente dovrà essere promotore di idee e di intercettazione di opportunità. Inoltre si deve cooperare bene con gli altri comuni vicini e intercettare le opportunità del nuovo PNRR. Altro interessante argomento sono i nuovi lavori e il lavoro agile che la pandemia ha accentuato. Sarà mia cura creare delle aule e dei luoghi multimediali per chi opera e lavora con questo sistema. Lo “Smart working Village” ad Esanatoglia può essere realtà. Poi ancora: casa di riposo con la creazione di un assessore per gli anziani, scuole con medie, elementari e palestre in zona giardini con in viale Fontebianco un parcheggio con vicino centro sportivo, sul sisma lavorare per eliminare le bollette e seguire da vicino con assessore e commissario la ricostruzione. Turismo inoltre è lavoro: dobbiamo far venire la gente al paese con azioni immediate per valorizzare le nostre montagne. Infine recupero ex conceria Ottolina come base per l’ingresso delle vene e urgente ripristino delle associazioni come la pro loco.

Incontrate per strada un concittadino indeciso: perché dovrebbe votare per voi? Cosa gli direste?
(BARTOCCI) Di guardarsi intorno, di valutare il nostro paese per quello che è diventato, un Comune centrale nel territorio e, per come è tenuto e curato, di soffermarsi a soppesare le qualità e le capacità e la fiducia nei candidati, senza cedere alle tentazioni tipiche della campagna elettorale, alle false e pericolose vuote promesse, agli incontri occasionali quinquennali, alle polemiche costruite ad arte per il solo scopo di gettare discredito e magari conquistare un voto in più, di chiedersi chi merita di amministrare il suo Comune e di scegliere serenamente consapevole che la politica non è divisione ma momento di confronto e di libera scelta. Gli ripeterei che le occasioni che abbiamo davanti a noi per la quantità di fondi già incamerati dall’Ente e quelli che dovranno arrivare hanno necessità di competenza e di percorsi politico amministrativi certi, di condivisione, di lavoro, di passione per il proprio Paese e soprattutto di nuove energie.

(CIPOLLETTA) L’amministrazione uscente non si confronta né al suo interno né con i cittadini e trascura i bisogni reali. Pensa prima ai muri che alle persone. Il terremoto ha portato devastazione, ma con crisi economica e pandemia rischiamo l’abbandono del nostro borgo. Non lo dico per guadagnare qualche voto. Basta guardare ai comuni vicini dove scuole bellissime costruite con i fondi del terremoto sono vuote. Che ce ne faremo di case, scuole, palazzi se i nostri giovani se ne stanno già andando? Bisogna lavorare per dare servizi, prospettive di lavoro e di futuro sereno a famiglie e giovani. Ci chiamiamo Esanatoglia Domani perché bisogna lavorare da oggi per avere un domani sereno. Abbiamo idee, cuore, coraggio, competenza e voglia di lavorare per il bene della comunità senza guardare alle casacche: ognuno di noi ha la sua idea politica, ma insieme pensiamo solo ad Esanatoglia, a rispondere ai bisogni di tutti senza lasciare indietro nessuno e a condividere con i cittadini visione e speranze.

(TIZZONI) Vedere il programma va bene e poi gli direi: mi conosci? Sai che se faccio una cosa la faccio bene, così ho sempre fatto nella mia vita, ti informerò, ti coinvolgerò (partecipazione) e ho un team giusto in equilibrio tra rinnovamento ed esperienza, saremo una squadra perché nella mia vita lavorativa ho gestito squadre e team. Io sarò te perché ti farò partecipare. E poi altro motivo, perché è giusto cambiare, se sei indeciso vuol dire non ti sta bene come stiamo messi oggi. Il panorama è questo, devi scegliere tra il sottoscritto o i finti rinnovamenti, perché entrambe le due liste, la 1 e la 3, sono finti rinnovamenti.

Primi 100 giorni da sindaco: cosa farete nell’immediato se vincerete le elezioni?
(BARTOCCI) Il lavoro non mancherà con tutte le scadenze amministrative legate alla ricostruzione e ai progetti da inviare sui fondi del PNRR e di provenienza Regionale e Comunitaria già avviati e necessari di urgenti approfondimenti per poterli portare avanti senza ritardi. La creazione di apposite consulte cittadine in particolare rivolte all’allargamento della partecipazione, la creazione di apposite figure di fiduciari o collaboratori del sindaco e dell'amministrazione per favorire il coinvolgimento, la creazione della figura del Difensore Civico, la verifica puntuale ed immediata delle disponibilità e delle competenze per riprendere da subito il cammino temporaneamente interrotto dalla tornata elettorale, abbiamo appuntamenti importantissimi che non possono attendere. Per il resto abbiamo talmente tanti progetti avviati da completare che non riusciremo a programmarne altri in soli 100 giorni e siccome abbiamo ben chiaro come e cosa fare, non possiamo irridere l’intelligenza degli esanatogliesi con dichiarazioni dal solo fine propagandistico, per esperienza so che già creare una squadra di amministratori, iniziare a formarla e soprattutto cominciare ad agire richiederà tempi di certo maggiori.

(CIPOLLETTA) Per gli interventi sul sociale istituiremo una delega alla Fragilità perché è cambiato il concetto di bisogno. Tante famiglie vivono il disagio della difficoltà di arrivare a fine mese, c’è chi si sacrifica per accudire anziani, malati, persone con handicap. C’è il disagio di giovani che non vedono prospettive perché non hanno un lavoro o ce l’hanno precario. Nelle graduatorie degli aiuti terremo conto del Fattore Famiglia, un parametro che stabilisce l’indice di vulnerabilità (numero dei figli, presenza in famiglia di disabili, di donne in stato di gravidanza e di anziani a carico, ecc.). Considerato insieme al reddito ISEE, ci permetterà di dare risposte mirate. Avvieremo il potenziamento della sicurezza con telecamere urbane e extrea-urbane per tutelare due grandi ricchezze: il tessuto sociale e l’ambiente. Lanceremo il brand “Esanatoglia Città del Futurismo” perché l’economia della cultura e il turismo sono leve essenziali per creare occupazione.

(TIZZONI) Riordinare i lavori, tutti in confusione, eseguiti in ultimo a fini elettorali, ridare una viabilità al paese, studiare il sistema per ripristinare il doppio senso in via Roma come era in passato (dissuasori per limitarne la velocità). Iniziare a progettare il paese che vogliamo, quindi iniziare e accelerare per il polo scolastico e il polo sportivo (i soldi sono deliberati) iniziare il lavoro di coinvolgimento delle persone e rifondare le associazioni. Conoscere il personale comunale, iniziare subito col piede giusto, chiedere al sindaco uscente la massima collaborazione nel passaggio consegne e capire ovviamente tutto ciò che c’è di avviato.

Cosa ne pensate dei vostri avversari?
(BARTOCCI) Premesso che ho da sempre il rispetto assoluto, sia umano che politico di chiunque decida di impegnarsi per la amministrazione della cosa pubblica, molte delle persone presenti nelle liste collegate ai candidati Sindaci, in particolare quelle più giovani, le avevamo contattate anche noi per la nostra lista, proprio a testimonianza di quanto sia forte ed aperta ad ogni discussione la linea politica da noi indicata. Tizzoni è un candidato sicuramente di spessore, purtroppo ancorato o vincolato suo malgrado o forse per scelta come dichiara a logiche di parte non in linea con le necessità attuali del nostro Comune e, la composizione della sua lista ci riporta purtroppo a schemi superati e già valutati dal tempo. Cipolletta Andrea consigliere in carica della attuale maggioranza, benché dichiari il contrario e non ne capisco il motivo visto che ha condiviso e votato pressoché tutte le proposte ed i progetti portati avanti, ha scelto una sua propria e personale linea politica in attrito con il percorso amministrativo degli ultimi cinque anni, forse per necessità di visibilità politica che, non credo faccia bene ai reali bisogni e necessità dei nostri concittadini.

(CIPOLLETTA) Non do giudizi e non li temo. Mi spiace solo che alcuni ricorrano a falsità per screditarmi personalmente, ma mi rendo conto che, chi vive di rendita dopo 28 anni di amministrazione, non ha altri argomenti per criticare un progetto che guarda avanti come Esanatoglia Domani. Sono convinto che la fiducia si conquista con le proposte e le risposte, non con il gossip porta a porta. I cittadini ci hanno chiesto di dare una svolta e per le svolte non servono pettegolezzi e discredito: servono progetti, dialogo e visione condivisa.

(TIZZONI) Diciamo che il duo Bartocci/Pizzi dura da 28 anni. Pizzi era un uomo forte, decideva. Come Pizzi è venuto a mancare si sono viste le debolezze di Bartocci, mancanza di leadership, hanno tutti iniziato a litigare, ha perso pezzi di giunta e ora addirittura gli si è formata una lista della sua stessa maggioranza. Nessuno si è candidato di nuovo e questo fa pensare. Di personale non dico nulla ci mancherebbe, ha acquisito certamente quella furbizia da politico e probabilmente un po’ di mestiere, ma io penso sia logorato. Non è possibile stare a fare il sindaco a vita. Su Cipolletta: ci ho parlato poche volte e poi di tartufi, cosa che vorrei sviluppare ad Esanatoglia anche come sviluppo turistico su esempi che conosco come Norcia e Roccafluvione. Persona simpatica, non ho ben capito che fa nella vita o che ha fatto prima, ora è in forza alla regione per quota politica, si chiamano portaborse; ha fatto questa lista ma fino a ieri era insieme a Bartocci/Brugnola, che dire, non si sono messi d’accordo per i posti, questa è la realtà di oggi.

Coronavirus e sisma: il 2022 potrebbe essere l’anno definitivo della ripartenza. Cosa fare per farsi trovare pronti come città?
(BARTOCCI) Saranno anni, i prossimi cinque, che segneranno la svolta necessaria per poter avviare e portare avanti un percorso lungo e faticoso per la Ricostruzione Post Sisma e soprattutto per ricreare le condizioni economiche, culturali e sociali per uscire dalla profonda crisi, anche identitaria che il Covid ha creato a tutti noi, nei giovani in particolare, dobbiamo riprenderci la vita sociale, lo spirito aggregativo, il gusto della collaborazione per chiudere un percorso negativo ed epocale che ha visto ognuno di noi rinchiuso nelle proprie ansie e paure e tanti in difficoltà per le restrizioni sia economiche che sociali. La profonda conoscenza delle dinamiche sanitarie, dei percorsi di una politica di qualità, l’attitudine al lavoro e lo spirito di servizio, il recupero della scienza e della conoscenza dovranno essere le armi che dovremo usare per restituire ai cittadini fiducia e visione prospettica del futuro della nostra Comunità.

(CIPOLLETTA) Esanatoglia Domani ha un filo diretto con il Parlamento dove la Lega ha depositato da mesi la proposta di legge sulla Zona a Fiscalità Agevolata. Un progetto importante che vuole capitalizzare l’esperienza delle ZES strutturandola a misura dell’entroterra terremotato per far ripartire economia e occupazione. Un’Amministrazione Comunale non fa direttamente impresa, ma ha il dovere di creare le condizioni perché le imprese scelgano il suo territorio per nascere e crescere. I giovani devono avere la possibilità di formare una famiglia e costruirsi un futuro a casa propria. Gli anziani di vivere in una comunità attiva a cui dare il proprio prezioso contributo e su cui contare per il sostegno. Siamo già al lavoro per accedere a bandi che possano portare contributi ed agevolazioni per uno sviluppo imprenditoriale nel nostro paese anche attraverso il turismo: basta guardare ai fondi ottenuti per la riqualificazione del motocross.

(TIZZONI) Innanzitutto sarà anche nostro compito convincere sempre di più la gente a vaccinarsi; condividiamo in pieno la politica del governo e quanto fatto dal Ministro della salute Speranza, inoltre dobbiamo per essere pronti iniziare a mettere in pratica il programma e soprattutto una attenzione forte alla medicina territoriale come diciamo al punto del programma, creare un luogo per i medici di famiglia, un luogo comune dove esercitare e fare squadra con gli altri comuni per non essere dimenticati dalla Asur 3. Terremoto idem: Cercare di ottimizzare la ricostruzione, tentare la eliminazione totale delle bollette (non rateizzazione ma eliminazione) andare vanti nella ricostruzione a mo di risarcimento morale.

Un sogno nel cassetto per Esanatoglia.
(BARTOCCI) "Vogliamo un luogo dove poter sognare… In una comunità orgogliosa di sé", è proprio questa la dichiarazione politica che accompagna tutta la nostra campagna elettorale e che abbiamo condiviso sin dal primo momento, oltre ai progetti importantissimi già avviati, la riqualificazione urbana delle aree ex scuole ed in prospettiva futura e importante, il recupero ed il riuso dell’area perimetrata dell'ex Conceria, completare i percorsi di Palazzo LAB, dei progetti legati al turismo sostenibile, la vera inclusione sociale, la qualità del lavoro per ricreare un percorso ideale di ritorno dei tanti che hanno visto la propria possibilità di realizzarsi lontano dal nostro paese, il tutto racchiuso nel vero sogno nel cassetto: “Pensiamo ad una comunità accogliente ed aperta, senza pregiudizi, che sa crescere, cambiare rotta, che riconosca il valore dei suoi cittadini, che protegga le sue parti più deboli ed indifese. Un luogo bello e sicuro da dove non si scappi e nel quale si abbia voglia di ritornare, dove sentirsi a casa propria, orgogliosi di appartenervi pur nelle diversità, un luogo dove mettere sé stessi, le proprie capacità e le proprie aspettative al centro della quotidiana azione politica, sociale e culturale. Pensiamo ad un luogo dove i progetti siano prospettiva e crescita comune".

(CIPOLLETTA) Esanatoglia ha tutte le carte in regola per sviluppare il welfare della cultura per cui l’impatto turismo dell’esperienza ha ripercussioni positive sulla salute e sull’economia. Vogliamo creare un Polo Futurista a partire dalla creazione di un museo multimediale del Futurismo e di eventi a tema. Vogliamo valorizzare Palazzo facendone la sede di Palazzo Academy - Scuola Internazionale per l’Ambiente. Vogliamo creare un’oasi protetta che parta dal Ponte “Sfercia” e arrivi alla ex Conceria (cascata “Lu Cascu”). Prevede la ristrutturazione del “Parco del Donatore” e la pulizia del fiume Esino con la costruzione di nuovi argini per renderlo accessibile oltre alla riqualificazione dell’area naturalistica “Le Vene” fino alle sorgenti dell’Esino dove sarà realizzato un punto di aggregazione sociale nella zona del trotificio. Sarà un’Esanatoglia da vivere a 360 gradi grazie potenziamento della sentieristica che si integrerà anche con i percorsi urbani.

(TIZZONI) Certo che mi piacerebbe sognare: un paese vivo, pieno di attività economiche, i giovani presenti, nascite che superano i morti e non il contrario come ora. Personaggi famosi che hanno avuto contatti qui che ritornano ad averli, mi riferisco in particolare a Renato Zero, dove Palazzo inizialmente doveva essere per lui per farci una sorta di scuola di musica alla Mogol; il turismo in tutti i momenti dell’anno e poi vedere aziende che investono qui e tanto lavoro agile e da casa per fare lo smart working village e dare una qualità della vita felice a tutti, sia ai nostri giovani che ai nostri anziani. Ma stando ovviamente con i piedi per terra sogno anche un paese normale con le manutenzioni e i servizi che funzionino in modo normale anche perché (c’era una canzone di Anna Identici che dice) “quando si sogna troppo è già finita”.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram dei quotidiani Vivere.
Per Whatsapp aggiungere il numero corrispondente alla città desiderata nella propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio "notizie on".
Per Telegram cercare il canale desiderato.

Città Whatsapp Telegram
Ancona 350.0532033 @VivereAncona
Ascoli 353.4149022 @VivereAscoli
Camerino 340.8701339 @VivereCamerino
Civitanova 348.7699158 @VivereCivitanova
Fabriano 376.0081705 @VivereFabriano
Fano 350.5641864 @VivereFano
Fermo 351.8341319 @VivereFermo
Jesi 371.4821733 @VivereJesi
Macerata 328.6037088 @VivereMacerata
Osimo 320.7096249 @VivereOsimo
Pesaro 371.4439462 @ViverePesaro
Recanati 366.9926866 @VivereRecanati
San Benedetto 351.8386415 @VivereSanBenedetto
Senigallia 351.7275553 @VivereSenigallia
Urbino 371.4499877 @VivereUrbino





Questo è un articolo pubblicato il 28-09-2021 alle 15:34 sul giornale del 29 settembre 2021 - 1115 letture

In questo articolo si parla di politica, redazione, esanatoglia, comunali, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/clxv





logoEV
logoEV
qrcode