Arte in ripresa, parla l'artista vissano Giovannini: "Riscoperto il gusto del ritratto"

3' di lettura 09/10/2021 - La lenta ripresa verso la normalità si sta registrando anche nel mondo dell'arte, dove gli artisti hanno subito un duro colpo durante il lockdown per la pandemia, ma non hanno mai smesso di lavorare e produrre le proprie opere e quelle su commissione.

E' quanto si registra anche a livello locale con uno degli artisti più noti per le sue opere, il maestro David Giovannini, che si è ritagliato un ruolo di primo piano grazie alle sue tecniche come le acqueforti, acquetinte in quadricromia, acquetinte alla puopée (più lastre e più colori) e litografie su pietra, ma anche tanti acquarelli.

Anche quello dell'arte è un mondo in continua evoluzione, ricerca e richieste ed il maestro in questo periodo si è adeguato per proporre le proprie opere al pubblico anche da casa, con una galleria virtuale che raccoglie le sue rappresentazioni. Infatti, oltre alla galleria reale a Tolentino, dove attraverso il proprio sito, email e per telefono si possono prenotare visite, un'ampia proposta dei suoi lavori nelle varie tecniche, è visibile sulla sua virtual gallery che si può raggiungere anche attraverso la sua pagina Facebook. Art Gallery attraverso la quale ha potuto raggiungere e conquistare un pubblico anche attraverso eventi virtuali dentro e fuori regione.

Nel frattempo è però in uscita anche un nuovo catalogo riepilogativo sulla sua arte, intitolato "David Giovannini - Metamorfosi di un'alchimia segnica" nel quale è possibile vedere e capire meglio l'opera grafica e la trasformazione del pittore maceratese. Si tratta di un volume di 213 pagine.

Se nella sua virtual gallery avviata nel 2002 con l'avvento dei nuovi sistemi tecnologici si possono trovare le opere attuali e quelle retrò, il nuovo catalogo, che riporta le critiche degli esperti Gustavo Cuccini (docente di arte contemporanea all'Università di Perugia) e del professore Armando Ginesi (critico d'arte), ripropone l'arte di Giovannini dal 1977 al 2017. La storia più recente, invece, quella legata al periodo della pandemia, ripropone un Giovannini che ha riscoperto il gusto del ritratto, spinto anche dalle molte richieste di un pubblico che ha riscoperto questo genere. "Il mercato sta riprendendo lentamente - dice David Giovannini - anche se le visite quest'estate sono state poche. I clienti più affezionati sono venuti comunque ad Aschio di Visso, nel mio laboratorio, ed è stato un bel segnale di fiducia. Significa che la gente non dimentica. Tutto sommato non mi lamento. Ho fatto annunci e proposto i lavori su Messenger, Facebook per dare l'idea delle nuove produzioni ed ho avuto un buon riscontro, in molti mi hanno telefonato."

Cosa le hanno chiesto o richiesto in particolare? "Premettendo che, soprattutto in questo periodo, il lavoro più sicuro è quello dei committenti, la maggior parte hanno chiesto i ritratti, un settore in ripresa. La gente, forse per il distacco dovuto al lockdown e al dover stare di più in casa, ha riscoperto il piacere delle persone care e chiedono ritratti di parenti amici, famigliari come zii, nonni, nipoti, ma anche tra fidanzati, sia come un pensiero in generale oppure addirittura come un regalo e questo sta riscuotendo successo".


di Angelo Ubaldi
redazione@viverecamerino.it







Questo è un articolo pubblicato il 09-10-2021 alle 13:09 sul giornale del 11 ottobre 2021 - 318 letture

In questo articolo si parla di cultura, visso, angelo ubaldi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cnxA





logoEV