A San Severino una targa per i 100 anni del Milite Ignoto: prima uscita per i nuovi componenti della Banda

2' di lettura 09/11/2021 - “In questa giornata vogliamo ricordare tutti coloro che, anche giovanissimi, hanno sacrificato la propria vita per un ideale di Patria e le famiglie che hanno sofferto per la loro perdita. E’ questa una grande occasione per riflettere sul senso della guerra, quella ingiusta, sempre dolorosa, sempre crudele, sempre disumana, sempre sbagliata, sempre evitabile. Questo ci deve aiutare a coltivare la pace, il rispetto per gli altri, la democrazia e a mettere in pratica questi valori nella vita di tutti i giorni”.

Con queste parole il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei, è intervenuta alle celebrazioni della Festa dell’Unità Nazionale e della Giornata delle Forze Armate, quest’anno coincise anche con il centenario del Milite Ignoto 1921/2021 cui l’Amministrazione comunale, con voto unanime dell’Assise cittadina del gennaio scorso, ha voluto dedicare una targa ricordo posta sulla scalinata del Monumento ai Caduti in Guerra.

“Cento anni fa – ha sottolineato ancora la Piermattei – per volontà unanime dello Stato italiano, arrivarono nella cattedrale di Aquileia undici bare bianche di altrettanti soldati senza nome morti negli scontri più cruenti della guerra 1915-1918. Tra di esse una mamma, di nome Maria, scelse quella dove lei aveva immaginato riposasse suo figlio. La bara di Aquileia attraversò su un treno a ciò dedicato l’Italia fino a Roma tra una folla di italiani che si inchinava reverente e fu tumulata presso l’Altare della Patria dove riposa da cento anni esatti. E’ per questo che abbiamo deciso di ricordare questo anniversario con l’affissione di una targa che ricorda proprio il conferimento al Milite Ignoto della cittadinanza onoraria di San Severino Marche. E’ stata una scelta politica di grande valore – ha ancora spiegato il primo cittadino settempedano durante la cerimonia svoltasi domenica mattina – ma anche un simbolo di appartenenza in un’Italia che è sempre stata migliore di quanto appare per solidarietà, senza di responsabilità e senso di comunità”.

Insieme al Gonfalone della Città erano presenti i componenti il Consiglio comunale dei Ragazzi e i porta insegne, insieme ai rappresentanti, di tante associazioni per ricordare, anche in questo caso simbolicamente, i grandi valori del 4 Novembre.

In occasione della Festa dell’Unità Nazionale e della Giornata delle Forze Armate hanno prestato servizio con il Corpo filarmonico bandistico “Francesco Adriani” Città di San Severino Marche, nella loro prima uscita ufficiale, anche diversi nuovi componenti della banda cittadina. Si tratta di Maria Carla Tica (tamburo), Riccardo Scattolini, Lucrezia Marchetti, Valeria Cicconi e Matilde Allegretto (flauto), Mauro Abosinetti e Maria Benedetta Fringuelli (clarinetto) e Alessia Abosinetti (tromba). A loro, e al maestro Vanni Belfiore, è andato il ringraziamento del sindaco e dell’Amministrazione comunale per l’ottimo servizio prestato.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-11-2021 alle 13:54 sul giornale del 10 novembre 2021 - 166 letture

In questo articolo si parla di attualità, san severino marche, Comune di San Severino Marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cs4U





logoEV