La Vigor Basket Matelica combatte e vince a Foligno

3' di lettura 06/12/2021 - Successo prezioso, dopo una battaglia durata 40’, per la Halley Matelica, che sbanca il PalaPaternesi stendendo la Lucky Wind Foligno e portandosi a casa la sesta vittoria consecutiva. Partita condotta per ampi tratti dai vigorini, che però non riescono mai a scrollarsi davvero di dosso una Ubs energica e combattiva, che si inchina soltanto nei secondo finali.

L’avvio di gara è al piccolo trotto, soprattutto difensivamente. Genjac e Falzon lanciano la prima mini-fuga matelicese (13-7 al 4’), ma i biancorossi lasciano troppi spazi dietro, voragini nelle quali si infila abilmente Budrys (13 punti all’intervallo). La zona 3-2 paga dividendi a coach Pierotti e una Halley in improvvisa difficoltà si vede anche sorpassare sul finire del primo periodo (19-18 al 9’). Nel secondo periodo, però, la Vigor inizia a colpire dall’arco scardinando così il fortino foglinate: 9 punti in un amen del grande ex Tosti spingono la Halley sul massimo vantaggio (31-22 al 16’), ma la Ubs non si scompone e appoggiandosi sotto a un pimpante Donati resta comunque in scia: all’intervallo lungo è 36-40. Nella ripresa la partita cambia completamente, sale l’intensità e gli errori si moltiplicano da ambo le parti. La Halley trova il suo primo canestro dal campo della ripresa solo dopo 8’ e la Lucky Wind, senza fare chissà cosa, torna a mettere il naso avanti (45-46 al 27’ con bomba dell’altro ex, Rath). In campo diventa una guerriglia, le squadre abbandonano definitivamente il fioretto per usare la sciabola, ma all’inizio del quarto periodo la Vigor accumula 6-7 punti di vantaggio che si riveleranno preziosissimi nel finale. Perché con l’intensità alle stelle e i nervi a fior di pelle si moltiplicano i viaggi in lunetta e la Halley è lucida nel non sprecare occasioni preziose. L’unico vero brivido i biancorossi lo corrono quando, a un minuto e mezzo dalla sirena, lo scatenato Budrys (28 punti alla fine, 13 nel solo ultimo quarto) infila la tripla del -2 (71-69). Sembra il preludio a un finale in volata e invece a togliere le castagne dal fuoco è Falzon: rientrato in campo dopo il 5° fallo di Genjac dopo un quarto periodo a lungo in panchina, il maltese colpisce dall’arco a freddo e manda di fatto i titolo di coda al match. Vittoria sudata ma preziosissima per restare in scia alla capolista imbattuta Bramante.

E sabato si torna a Castelraimondo per l’ultima gara casalinga del 2021, quella contro Porto Sant’Elpidio. Queste le parole di coach Cecchini a fine partita: "Siamo riusciti a portarla a casa nonostante avessimo giocato molto bene nella prima parte della gara, incanalandola dove volevamo a livello offensivo ma con una difesa troppo molle abbiamo permesso loro di trovare tanti canestri da sotto e andare all’intervallo con la partita ancora in equilibrio. Non mi aspettavo certo una partita da vincere di 30 come le ultime due perché Foligno era una squadra con la quale c’era da valutare anche l’impatto emotivo, visto il rientro di Cimarelli e il ritorno per la prima volta di Tosti da avversario. Era una partita molto sentita e la verve che ci hanno messo è figlia di quello".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-12-2021 alle 12:00 sul giornale del 07 dicembre 2021 - 138 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, matelica, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cyqJ





logoEV
logoEV